Cultura & Società
stampa

Turismo. Via degli Dei si trasforma in un festival del cinema

Un festival del cinema itinerante lungo la Via degli Dei, l'antico sentiero che unisce Bologna a Firenze. Tappe anche a Firenzuola, San Piero e Scarperia e a Barberino di Mugello.

Percorsi: Cinema - Mugello - Turismo
Un tratto della Via degli Dei

Il «Festival degli Dei» è la nuova «invenzione» dell'Appennino tosco-emiliano per promuovere un territorio che da alcuni anni sta vivendo un periodo di «rinascita non solo turistica ma anche culturale». Si partirà l'8 luglio a Bologna con la proiezione di «Agadah», per poi continuare tutta la settimana con altri sette appuntamenti sotto le stelle.

L'iniziativa «si propone di accendere un faro su territori da scoprire e valorizzare», commenta Stefano Mezzetti, sindaco di Sasso Marconi dove il 9 luglio verrà proiettato il film «Tonya».

Un evento che serve a «incrementare il turismo, che deve essere oltre che naturalistico anche culturale», aggiunge Barbara Panzacchi, sindaca di Monghidoro che l'11 luglio manderà 'in onda' «A casa tutti bene», l'ultimo film di Gabriele Muccino. Il «Festival degli Dei» vuole essere un «viaggio alla scoperta sia dei Comuni che hanno aderito, ma anche del sentiero stesso», commenta Rosetta Sannelli, direttrice artistica del progetto insieme a Paolo Rossi. «Per questo i film scelti seguono il filo conduttore del 'viaggio', oltre che del mondo dello sport, elemento particolarmente sentito da chi svolge attività come trekking e camminate».

Ad esempio, il 12 luglio a San Benedetto Val di Sambro sarà proiettato «Quando corre nuvolari», o ancora, il 15 luglio a Scarperia e San Piero sarà il turno del tennis con «Borg McEnroe». Gli altri Comuni coinvolti sono quelli di Monzuno, Firenzuola e Barberino di Mugello.

Tutte le proiezioni saranno gratuite, e il Festival degli Dei si inserisce in una delle tante attività di collaborazione tra le due città metropolitane di Firenze e Bologna, che tentano sempre di più di incontrarsi per favorire il turismo culturale, «che in questo caso possiamo definire 'cineturismo culturale'», aggiungono gli organizzatori.

Diversi sponsor hanno permesso la realizzazione del festival: da Enel, a Acqua Panna, a Granarolo alla Bonifica Renana. Anche Hera supporta la manifestazione perché «cinema e territorio sono un binomio inscindibile nel quale il Gruppo crede da sempre», scrive in una nota la multiutility. «Ci fa davvero piacere che le città metropolitane di Bologna e Firenze abbiano creduto in un progetto di questo tipo», afferma Giuseppe Gagliano, direttore centrale relazioni esterne del Gruppo Hera aggiungendo che «il cinema è l'ingrediente ideale per aumentare il fascino della Via degli Dei».

Fonte: Agenzia Dire
Turismo. Via degli Dei si trasforma in un festival del cinema
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento