Politica & società
stampa

Edizione on line

Statuto, i punti contestati dal governo

Sono 8 su 82 gli articoli dello Statuto della Regione Toscana impugnati il 3 agosto 2004 dal Consiglio dei Ministri. Due degli articoli sono contestati in più parti. Oltre alle questioni del riconoscimento delle altre forme di convivenza, della tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico (entrambe contenute dell'articolo sulle «finalità principali») e quella della disciplina dei tributi propri degli enti locali, il governo ha contestato tra i «principi generali» il comma sull'estensione del diritto di voto agli immigrati e il quorum previsto per la validità del referendum abrogativo (la norma approvata prevede che la proposta di abrogazione è approvata se partecipa al voto la maggioranza dei votanti delle ultime elezioni regionali e se si ottiene la maggioranza dei voti validamente espressi, in sostanza si abbassa il quorum).

Sono state contestate anche le norme sui tempi di approvazione del programma della giunta fissati nello statuto in dieci giorni, sulla disciplina dell'accesso agli atti amministrativi (lo statuto elimina la necessità di motivare la richiesta di accesso agli atti), sulla formazione degli atti amministrativi (lo Statuto prevede che essi debbano essere sempre motivati).

Altre contestazioni riguardano la possibilità di uniformare l'organizzazione e lo svolgimento di funzioni conferite agli enti locali per «specifiche esigenze unitarie» e le modalità dei rapporti con l'Unione Europea.

Questi, nel dettaglio, gli articoli dello Statuto della Toscana contestati.

Art. 3 Principi generali; comma 6 - La Regione promuove, nel rispetto dei principi costituzionali, l'estensione del diritto di voto agli immigrati.

Art. 4 Finalità principali -
(h) il riconoscimento delle coppie di fatto,
(l) il rispetto dell'equilibrio ecologico, la tutela dell'ambiente e del patrimonio naturale, la conservazione della biodiversità, la promozione della cultura del rispetto per gli animali,
(m) la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico,
(n) la promozione dello sviluppo economico e di un contesto favorevole alla competitività delle imprese, basato sull'innovazione, la ricerca e la formazione, nel rispetto dei principi di coesione sociale e di sostenibilità dell'ambiente,
(o) la valorizzazione della libertà di iniziativa economica pubblica e privata, del ruolo e della responsabilità sociale delle imprese,
(p) la promozione della cooperazione come strumento di democrazia economica e di sviluppo sociale, favorendone il potenziamento con i mezzi più idonei.

Art. 32 Programma di governo e formazione della giunta; comma 2 - Il programma è approvato entro dieci giorni dalla sua illustrazione.

Art. 54 Procedimento amministrativo e diritto di accesso; comma 1 - Tutti hanno diritto di accedere senza obbligo di motivazione ai documenti amministrativi, nel rispetto degli interessi costituzionalmente tutelati e nei modi previsti dalla legge;
comma 3 - tutti gli atti amministrativi regionali, salvo quelli meramente esecutivi, sono motivati.

Art. 63 Regolamento degli enti locali; comma 2 - La legge, nei casi in cui risultino specifiche esigenze unitarie, può disciplinare l'organizzazione e lo svolgimento delle funzioni conferite per assicurare requisiti essenziali di uniformità.

Art. 64 Risorse finanziarie; comma 2 - La legge disciplina, limitatamente ai profili coperti da riserva di legge, i tributi propri degli enti locali, salva la potestà degli enti di istituirli.

Art. 70 Rapporti con l'Unione Europea - Gli organi di governo e il consiglio partecipano, nei modi previsti dalla legge alle decisioni dirette alla formazione e attuazione degli atti comunitari nelle materie di competenza regionale. Il presidente della giunta e il presidente del consiglio si informano reciprocamente sulle attività svolte in sede comunitaria nell'ambito delle rispettive attribuzioni.

Art. 75 Referendum abrogativo; comma 4 - La proposta di abrogazione soggetta a referendum è approvata se partecipa alla votazione la maggioranza dei votanti alle ultime elezioni regionali e se ottiene la maggioranza dei voti validamente espressi. (ANSA).

Il testo integrale dello Statuto toscano (formato .pdf)

Statuto, i punti contestati dal governo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento