Vescovi toscani
stampa

Betori, Lettera pasquale alle famiglie

iI testo integrale della Lettera pasquale alle famiglie, dell'arcivescovo di Firenze, mons. Giuseppe Betori (gennaio 2009).

Pubblichiamo il testo integrale della Lettera pasquale alle famiglie, dell'arcivescovo di Firenze, mons. Giuseppe Betori.

Carissimi e carissime,
vorrei dedicare l'annuale dialogo, in occasione della benedizione delle famiglie, a riflettere sul posto che la parola di Dio deve avere nelle nostre case. Mi spinge a farlo il fatto che nello scorso mese di ottobre il Papa ha riunito un'assemblea del Sinodo dei Vescovi su questo tema: “La parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa”.

Si potrebbe pensare che il problema non riguardi le famiglie, ma trovi la sua giusta collocazione nelle celebrazioni liturgiche nelle chiese o nelle riunioni di catechesi organizzate dalle parrocchie e negli itinerari formativi proposti da associazioni e movimenti cattolici.

Un po' di ragione c'è in queste affermazioni, perché il luogo proprio della proclamazione e dell'ascolto della parola di Dio, come vedremo, è la Chiesa. Ma non dobbiamo dimenticare che anche la famiglia è un'esperienza di Chiesa e quindi, come tale, un luogo in cui far risuonare la parola di Dio. Non si può infatti pensare che la famiglia sia una realtà di vita in cui realizzare la nostra fedeltà al vangelo di Gesù ed escludere da tale contesto la parola che mi annuncia questo vangelo.

Ma, prima di continuare, è forse opportuno chiarire anzitutto cosa sia la parola di Dio di cui stiamo parlando.

Che cos'è la parola di Dio?
Qualcuno la identifica con la Bibbia, la Sacra Scrittura. Questo è vero, ma si tratta di una risposta non precisa o almeno incompleta. In realtà quando parliamo di parola di Dio ci riferiamo a una realtà complessa, che ha il suo inizio nell'atto stesso con cui Dio si rivela. In questo primo senso, parola di Dio sono le parole e le azioni con cui Dio si è manifestato anzitutto ai padri del popolo di Israele, ai quali egli si lega in un vincolo di alleanza, poi a Mosé e a quanti con lui hanno condotto il popolo attraverso l'esodo dall'Egitto verso la terra promessa, dando allo stesso popolo una precisa identità grazie alla legge, quindi ai profeti che richiamavano al popolo la fedeltà all'alleanza con Dio e infine ai sapienti che riflettevano su come il riferimento a Dio illumina la vita nel suo significato più profondo e nei comportamenti quotidiani. Al culmine di questa storia di rivelazione si pone la venuta dello stesso Figlio di Dio che si fa uomo, parola di Dio fatta carne, che con la sua vita e soprattutto con la sua morte e risurrezione diventa rivelazione suprema di Dio e del suo amore per l'umanità. La rivelazione della parola divina continua poi nell'esperienza e nell'insegnamento degli apostoli, che Gesù invia nel mondo per comunicare a tutti gli uomini il vangelo della salvezza.

La parola di Dio come sua rivelazione lungo la storia non si concentra però nel solo momento in cui viene comunicata, ma costituisce da subito una tradizione, che la fa conoscere oltre la stretta cerchia di coloro che ne sono i primi destinatari, attraversando i luoghi e i tempi, di generazione in generazione. La rivelazione diventa tradizione, in cui la parola di Dio continua a risuonare per chi si dispone al suo ascolto e si realizza come parola per tutti. Questa catena di tradizione forma la fede del popolo ebraico prima e della Chiesa nascente poi. È questo un secondo significato della espressione parola di Dio, che non è meno importante del primo, perché fa sì che la parola detta o mostratasi una volta possa esserlo per sempre.

La Bibbia, la nostra storia
All'interno di questo cammino si sentì presto l'esigenza di fissare con sicurezza le tradizioni che si andavano assommando e a ciò venne in soccorso la scrittura.

Dapprima in brevi narrazioni o raccolte di detti, poi in forma sempre più articolata in veri e propri libri, tanto nel popolo d'Israele quanto nella Chiesa dei primi tempi, si formarono raccolte di libri che andarono a costituire una Scrittura ritenuta sacra, perché accolta nella fede non solo come un'opera che certifica la parola di Dio tramandata ma che è portatrice di una sicura verità perché scritta per illuminazione dello stesso Spirito di Dio. La Scrittura viene così a porsi al centro stesso della tradizione e ne costituisce la testimonianza autentica e il nucleo fondante, cui far riferimento per dare certezza alla parola della fede. Si compilarono così i libri che narravano le origini del popolo d'Israele, all'interno delle origini della terra e dell'umanità, e le leggi che lo reggevano. Gli ebrei definiscono questi primi cinque libri “Legge”; nella tradizione cristiana si chiameranno “Pentateuco”, un termine di derivazione greca che equivale a “cinque rotoli (libri)”. A seguire vennero le narrazioni storiche sull'origine e gli sviluppi della monarchia in Israele e in Giuda e i libri che raccolgono le parole pronunciate dai profeti a nome di Dio, nel loro insieme denominati “Profeti”, che nella tradizione cristiana saranno suddivisi tra “Storici” e “Profeti”. Infine abbiamo la raccolta degli altri “Scritti”, in cui si ritrovano per lo più testi di saggezza e di preghiera; nella classificazione cristiana saranno chiamati “Sapienziali”. Tutti questi libri costituiscono la Bibbia degli ebrei, che la Chiesa ha ricevuto da Gesù e che venera come parola di Dio, costituendo per essa l'Antico o Primo Testamento. Nella comunità cristiana dei primi tempi ad esso si aggiunse ben presto un Nuovo Testamento, che comprende i “Vangeli”, dedicati alla narrazione della vicenda storica di Gesù di Nazaret, cui si affiancano gli “Atti degli Apostoli”, dove si parla dei primi passi dell'evangelizzazione. Vengono anche raccolte le “Lettere” dei primi apostoli, in particolare di Paolo, che illustrano problemi di dottrina e di vita cristiana. A chiudere il Nuovo Testamento si colloca un'interpretazione della storia alla luce della fede in Cristo che va sotto il nome di “Apocalisse”. Antico e Nuovo Testamento insieme formano la Bibbia, una parola anch'essa di derivazione greca che significa “i libri”, ma che poi passerà a significare “il Libro” per eccellenza, ovvero la Sacra Scrittura dei cristiani, là dove la parola di Dio si trova concentrata nella sua verità.

La Bibbia, nella Chiesa, per l'incontro con Cristo
Questo libro non vive da solo, bensì ci viene consegnato da una comunità credente che costituisce con la sua parola e la sua vita il contesto che ne illumina la corretta interpretazione. La Bibbia nasce dalla vita della Chiesa, ci è donata dalla Chiesa come parola di verità per l'uomo e, per essere compresa nel suo autentico messaggio, va letta nell'orizzonte della fede della Chiesa. E così l'espressione parola di Dio assume un ulteriore significato. La parola rivelata e trasmessa, codificata nel libro della Sacra Scrittura torna a vivere nel momento in cui l'annuncio che ne fa la Chiesa accade nella mia vita e mi interpella perché io possa rispondervi con la fede. Parola di Dio è dunque questa proclamazione che qui e ora entra nella mia esistenza come un fatto vitale e suscitatore di una vita nuova.

Ho voluto dilungarmi un poco in questa spiegazione, perché è importante non ridurre la proposta di accostarci alla parola di Dio soltanto alla lettura di un libro. Certo, è decisivo per noi prenderlo in mano questo libro, ma è altrettanto importante che quando ci mettiamo al suo ascolto non dimentichiamo mai che esso è il sedimentarsi di un'esperienza di fede che nasce dalla rivelazione stessa di Dio e che vive ed è comprensibile solo all'interno di una tradizione di cui è garante la fede della Chiesa, che è quindi anche l'orizzonte necessario in cui interpretarlo.

Soprattutto c'è sempre da ricordare che parola di Dio in senso pieno è la persona stessa del Figlio di Dio, per cui la nostra non è una religione del libro, come spesso si sente dire, ma la religione della persona: anzitutto del mistero dell'unico Dio in tre persone, poi di Gesù Cristo Dio e uomo nell'unità della sua persona, infine di ciascun uomo e donna riconosciuti nella loro dignità di persone create dal Padre. Per cui, oltre le pagine del libro della Bibbia, si pone il nostro incontro personale con la persona di Gesù, parola di Dio per noi. In questo incontro personale, nell'orizzonte della Chiesa, si fa presente la parola di Dio per la nostra vita.

La Bibbia, centro delle nostre famiglie
Ciò detto, vorrei esortarvi a fare della parola di Dio un riferimento costante della vostra famiglia. Se essa vuole essere una famiglia cristiana non può infatti fare a meno di orientare le sue scelte e i suoi progetti e comportamenti al disegno che Dio ha per l'umanità, per la famiglia, per ciascuno di noi. Ma per conoscere questo disegno dobbiamo metterci all'ascolto della sua parola e farne oggetto di assidua meditazione. Occorre anzitutto che la parola di Dio scritta non manchi materialmente nelle nostre case. Ogni famiglia deve avere la sua Bibbia. Ci sollecita a questo anche il fatto che proprio recentemente i vescovi italiani hanno approvato una nuova versione in italiano della Sacra Scrittura. La ascoltiamo nelle celebrazioni liturgiche e gli editori cattolici ne hanno fatto una pubblicazione a prezzo accessibile, con note introduttive ed esplicative essenziali. Molte case editrici poi, proprio in questi mesi, ne offrono una propria edizione, con specifici e più ricchi commenti. Anche questo fatto editoriale può essere una buona motivazione per dotare la nostra casa della Bibbia che ascoltiamo in chiesa.

Poi la Bibbia non basta averla: occorre leggerla, e leggerla bene. Questo non è sempre facile, perché i libri che compongono la Bibbia sono stati scritti in epoche lontane e quindi hanno riferimenti storici, culturali e letterari distanti dal nostro mondo. Un aiuto ci può venire dalle molte iniziative che in diocesi e nelle parrocchie vengono prese per aiutarci a introdurci nel linguaggio e nei contenuti biblici, né mancano strumenti di accompagnamento alla lettura. Se la Bibbia, come abbiamo visto, è nata all'interno di una comunità, è sbagliato pensare che si possa leggerla da soli, perché solo nella comunità essa potrà risplendere nel suo corretto e profondo significato. Questo vale soprattutto per il riferimento di fede, perché solo la fede della Chiesa aiuta a collocare le pagine della Bibbia nel loro proprio contesto di senso. Un modo concreto per dare spazio a questa esigenza è accostare alle pagine della Bibbia quelle dei testi di catechesi che la Chiesa ci offre, penso in particolare al Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica e ai catechismi per le diverse età pubblicati dai vescovi italiani, dalla CEI. Non bastano ovviamente i testi, occorre che alla lettura della Bibbia si accompagni un inserimento sempre più deciso nella vita della comunità. Le famiglie cristiane non possono vivere da sole: devono essere parte viva delle comunità parrocchiali e della diocesi.

Qualche proposta per leggere la Bibbia in famiglia
Come concretamente si può tradurre questo intento di rendere più presente la Bibbia nella vita della famiglia? Mi chiedo se non sia possibile per una famiglia programmare al suo interno una lettura continua di un libro biblico, ad esempio di un vangelo o del libro che ogni anno viene proposto negli itinerari catechistici della diocesi, da suddividere in piccoli brani da proclamare e insieme meditare ogni sera, prima o dopo cena, magari togliendo qualche minuto a un inutile se non dannoso programma televisivo. Oppure se non ci si possa preparare alla liturgia domenicale, leggendo il sabato in famiglia le letture, o anche solo il vangelo, che verranno proclamate l'indomani in chiesa; viceversa si potrebbero riprendere nella serata della domenica le letture ascoltate, illustrate dall'omelia, nella messa del mattino. Sono solo due esempi, cui non sarà impossibile aggiungere altri modelli secondo la creatività di ciascuno.

Importante è però che la parola di Dio non resti ai margini della nostra vita. Ne va della formazione della nostra fede e della illuminazione della nostra coscienza in tempi non facili per l'identità cristiana. Assediati da mille voci suadenti non possiamo tenere ai margini l'unica Parola che ci parla secondo verità e senza alcun altro interesse se non la nostra autentica libertà e felicità.

Sono certo che non mancherete di raccogliere questo invito e di rispondervi con intelligenza e generosità. Vi accompagno con il mio incoraggiamento e la mia benedizione.

Firenze, 6 gennaio 2009

Solennità dell'Epifania del Signore

GIUSEPPE BETORI
Arcivescovo di Firenze

Betori, Lettera pasquale alle famiglie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento