Vescovi toscani
stampa

Card. Betori: «Le famiglie siano luogo in cui si trasmette la fede»

Le nostre famiglie siano luogo in cui la fede viene trasmessa di generazione in generazione, in cui ciascuno si sente debitore della testimonianza della fede verso gli altri, genitori verso i figli ma anche figli verso i genitori, fratelli e sorelle tra loro, impegnati a vivere questa fede nella comunità parrocchiale e a mostrarne i frutti nella società». È questa l’esortazione con cui il cardinale Giuseppe Betori conclude la Lettera pasquale alle famiglie, che nei prossimi giorni sarà distribuita dai parroci della diocesi di Firenze durante la tradizionale benedizione delle famiglie che precede la Pasqua.

La copertina della Lettera

«Quest’anno è d’obbligo che il tema sia quello della fede», spiega il Cardinale nelle primissime righe: il riferimento ovviamente è all’Anno della fede indetto da Benedetto XVI. «Non è scontato - scrive l’Arcivescovo - che si parli di fede nel nostro tempo, anzi, per lo meno in alcuni ambienti e in certe circostanze, si percepisce che parlarne è ritenuto ininfluente, marginale, anche sgradito, addirittura capace solo di causare problemi e divisioni. Per molti Dio sta diventando un ospite molesto della vita e della società. Pensano che egli sia un pericoloso concorrente per la nostra libertà, che l’affermazione di noi stessi debba necessariamente passare attraverso l’eliminazione della sua presenza, ritenuta invadente, e della sua volontà, percepita come ingombrante».

L’esperienza però ci dice che l’uomo, allontanando Dio da se stesso, crea un vuoto in cui rischia di perdersi. «Da questa deriva nichilistica ci salva l’insopprimibile sete di infinito» scrive Betori, che cita Pier Paolo Pasolini: «Io sono pieno di una domanda a cui non so rispondere». E a chi ci chiede di vedere il volto di Dio, aggiunge il cardinale, «non dobbiamo aver paura di indicare quello di un uomo, Gesù di Nazaret, in cui Dio si è mostrato ed è diventato uno di noi, compagno del nostro cammino sulla terra». Il senso di questo Anno della fede, dunque, è mettersi di fronte a Gesù, «avendo però ben presente che conoscerlo non significa sapere qualcosa a suo riguardo, ma incontrarlo come una persona viva che entra a far parte della nostra vita».

Allegato: betori famiglie.pdf (951,42 kB)
Card. Betori: «Le famiglie siano luogo in cui si trasmette la fede»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento