Dossier

Dossier stampa

E' Stefania Tascini, 26 anni, di Campi Bisenzio (Fi), con «Sono giovane e voglio divertirmi», la vincitrice del nostro concorso letterario «I giovani e l'amore», promosso in occasione della XX Giornata mondiale della gioventù a Colonia. Riceverà in premio un abbonamento annuale a Toscanaoggi. Ecco il racconto che ha vinto e gli altri selezionati.

Sorpresa: tra i «best seller» dell'estate, accanto ai gialli e ai romanzi storici, c'è anche il catechismo. O meglio, il nuovo «Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica». Il volume, pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana insieme alla san Paolo, è diffuso in due formati, entrambi con copertina rigida: uno più grande, al costo di 18 euro, e uno tascabile, al costo di 9,50 euro. A un mese dalla presentazione, ha superato ampiamente le 400 mila copie vendute e naviga spedito verso il mezzo milione. Complice la distribuzione che ha sfruttato circuiti normalmente non utilizzati dall'editoria religiosa come i supermercati, le stazioni, gli aeroporti.
DI SIMONE GIUSTI

I martiri di Abitene preferirono affrontare la morte piuttosto che rinunciare alla celebrazione domenicale: alla loro testimonianza s'ispira il tema scelto dalla Chiesa italiana per il Congresso eucaristico nazionale di Bari, «Senza la domenica non possiamo vivere». All'apertura, domenica scorsa, ha preso parte il cardinale Camillo Ruini, presidente della Cei e inviato speciale del Santo Padre. Il cardinale ha manifestato l'auspicio che tale evento ecclesiale «possa far comprendere il senso vero della domenica come giorno dell'Eucaristia, che è la comunione che ha radice in Dio e rende gli uomini fratelli».

Bari, il diario di un congressista

L'omelia e l'Angelus di Benedetto XVI

Si tiene a Bari da sabato 21 a domenica 29 maggio il XXIV Congresso eucaristico nazionale, che ha per tema un'espressione dei martiri di Abitene: «Senza la domenica non possiamo vivere». Per una settimana si susseguiranno dibattiti, incontri, momenti di preghiera animati dai principali vescovi italiani. La conclusione sarà domenica 29 maggio, con una solenne concelebrazione presieduta da Benedetto XVI, alla sua prima «uscita» in Italia.

Dov'è la festa? Nessuno più lo sa/li

Parte questa settimana, con Anna Maria Chiavacci, la nostra serie dedicata ai «Toscani da raccontare»: un viaggio o, se vogliamo, piccole «incursioni» nel quotidiano di uomini e donne non necessariamente alla ribalta o noti al grande pubblico, ma che, semplicemente per la loro attività o magari per scelte coraggiose e originali, riteniamo abbiano qualcosa che merita, appunto, di essere raccontato.

Passione e Risurrezione. Una passione lunga, una Risurrezione forse inattesa. È la storia di un «umile poetastro» di Prato. Si chiama Francesco Taccola, 47 anni, che di professione fa lavori saltuari e per passione scrive poesie. Nei suoi «Fiori del bene» – il cui titolo rimanda esplicitamente e per contrario ai «Fleurs du mal» di Baudelaire – Francesco racconta una storia e indica una strada. Una strada di speranza, quella stessa strada che l'ha condotto tra gli amici della «Ronda» della Caritas e tra quelli di Emmaus. È stato anche grazie a loro se Francesco – come si legge nella presentazione di questo, per molti aspetti, sorprendente volumetto di poesie – è riemerso dall'oscurità del dolore liberandosi dal fango degli stereotipi.
DI GIANNI ROSSI

La campagna elettorale sta andando verso la conclusione. Per la verità senza grandi sussulti. Se si eccettua il mancato confronto tra il candidato della Casa delle libertà Alessandro Antichi e il presidente uscente Claudio Martini. Oltre a Martini (Toscana democratica) e Antichi (Casa delle libertà) corrono per la presidente Luca Ciabatti (Rifondazione comunista), Renzo Macelloni (Toscana futura) e Marzio Gozzoli (Alternativa sociale). In Toscana il 3-4 aprile si voterà per la prima volta con la nuova legge elettorale approvata insieme al nuovo Statuto. Ecco una guida al voto e l'elenco dei candidati in tutta la Toscana. Si vota anche in cinque comuni per il rinnovo delle amministrazioni comunali.

Nelle elezioni senza preferenza, resta il peso di un voto alla coalizione e al presidente che governeranno 5 anni

Il 19 marzo nell'antico Convento di San Pietro all'Orto viene inaugurato il nuovo Museo di arte sacra di Massa Marittima, punto di arrivo di un progetto di valorizzazione del patrimonio storico-artistico della città portato avanti da alcuni anni dall'Amministrazione comunale in stretta collaborazione con la Soprintendenza per il Patrimonio storico-artistico e demoantropologico di Siena e Grosseto. E' l'occasione per fare il punto sui musei e raccolte d'arte sacra della Toscana e sulla valorizzazione di questo ingente patrimonio di storia e di fede.