Dossier
stampa

Dal n. 6 del 12 febbraio 2006

Il San Valentino delle famiglie

L'idea suona come provocazione: recuperare la tradizione che voleva Valentino, vescovo di Terni, costruire le doti per quelle ragazze povere che altrimenti non avrebbero potuto sposarsi. E fare di San Valentino (che i più oggi associano a rose rosse, cioccolatini e videofonini) una «festa della famiglia». Festa che si terrà all'antivigilia di San Valentino: domenica 12 febbraio, dalle ore 15.30 alle ore 18.30, a Pisa nel suggestivo contesto dell'ex convento di Santa Croce in Fossabanda. Abbiamo posto qualche domanda alla vincitrice del Premio di quest'anno, Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige.

Il San Valentino delle famiglie

L'idea suona come provocazione: recuperare la tradizione che voleva Valentino, vescovo di Terni, costruire le doti per quelle ragazze povere che altrimenti non avrebbero potuto sposarsi. E fare di San Valentino (che i più oggi associano a rose rosse, cioccolatini e videofonini) una «festa della famiglia». Festa che si terrà all'antivigilia di San Valentino: domenica 12 febbraio, dalle ore 15.30 alle ore 18.30, a Pisa nel suggestivo contesto dell'ex convento di Santa Croce in Fossabanda.

Promotore dell'iniziativa: il consultorio familiare Ucipem. Suoi partners: i giornalisti cattolici dell'Ucsi, il nostro settimanale, l'associazione nazionale Famiglie numerose e la Coldiretti.

Sarà una festa formato famiglia, animata dal clown Lorenzo Cecchi, in arte dottor duemetri, impegnato nell'associazione «Ridere per vivere», che opera negli ospedali di Pisa, Pontedera, Lucca, Empoli e Pistoia.
Poi il talk-show «Figli cari, cari figli» presentato da Andrea Fagioli, vicedirettore di Toscanaoggi.
Qual è l'immagine della famiglia che passa attraverso giornali e tv? Per quanto tempo, in quali occasioni e per quali motivi si accende in casa il piccolo schermo? Ne parleranno Antonello Riccelli, giornalista di Granducato tv e membro della giunta nazionale dell'Ucsi e Roberto Volpi, demografo dell'infanzia, dell'Istituto degli Innocenti di Firenze, che presenteranno, tra l'altro i più recenti sondaggi in materia. Mentre le insegnanti di religione dell'istituto comprensivo Martin Luther King di Calcinaia presenteranno un lavoro realizzato dai ragazzi delle classi quinte sull'utilizzo della tv in casa.

Infine, la consegna del premio a Maria Rita Munizzi, 41 anni, madre di 5 figli,moglie, medico e presidente nazionale del Moige, il Movimento italiano genitori, che da anni è impegnata nella tutela dei diritti dei bambini in tv. Un risultato su tutti: il successo ottenuto in occasione della trasmissione Bisturi (2004): quando il Moige si è appellato alle aziende inserzioniste, tra cui famose multinazionali come Nestlè, Barilla, Toyota e Ferrero, che hanno ritirato i loro spot dal programma.

Composizioni floreali di florovivaisti Coldiretti «coloreranno» la giornata. Il ricevimento sarà affidato ai giovani studenti della scuola alberghiera dell'Istituto Matteotti di Pisa. All'interno dell'area festa Toscanaoggi sarà presente con un proprio stand, lanciando un'offerta per le famiglie che non sono ancora abbonate (abbonamento febbraio - dicembre 2006 a 20,00 euro).

A Maria Rita Munizzi, presidente
del Movimento genitori, il premio 2006
E' Maria Rita Munizzi la vincitrice del premio del «San Valentino delle famiglie» 2006. Nata al Cairo nel 1965, è madre di 5 figli, moglie, medico e presidente nazionale del Moige – Movimento italiano genitori. «L'idea di un movimento genitori nasce quando, dalla “teoria” decidemmo di passare alla pratica – racconta Maria Rita Munizzi – È stata la prima gravidanza a farmi rendere conto di quanto impegno serva per essere genitori e soprattutto di quante siano le insidie e le difficoltà per svolgere al meglio questo ruolo. Il Moige nasce dunque condividendo queste difficoltà, preoccupazioni e un impegno quotidiano per far sì che le cose vadano meglio. Siamo partiti in pochi, poi il Movimento, con il tempo, si è enormemente allargato».

Sostegno della famiglia, tutela dei minori, prevenzione di malattie, difesa dalla tv violenta e volgare. Sono solo alcuni dei «fronti» su cui si è battuta in questi anni l'associazione. Di due anni fa il caso della trasmissione «Bisturi». Come andò?

«Quando il programma fu annunciato – eravamo ancora al tempo dei primi reality – il Moige già si allertò ritenendo che la chirurgia, per lo più al di fuori di un contesto medico, non fosse un argomento adatto alla prima serata. Dopo la prima puntata il programma si era già rivelato per ciò che era; una trasmissione “trash”, truculenta, in cui la serietà di un intervento medico veniva banalizzata nel suo risvolto esclusivamente estetico. Quando fu fatta vedere l'operazione al seno di una giovanissima ragazza, con tanto di fidanzato in lacrime in studio, si toccò il fondo, tanto che non solo il Moige protestò ma anche il mondo medico e varie associazioni di utenti. Il Moige chiese agli inserzionisti del programma di ritirare i propri spot e molti di questi risposero positivamente. Le grandi multinazionali soprattutto aderirono all'appello indignate per ciò che veniva sponsorizzato dai loro prodotti e nel giro di una settimana il programma era in chiusura».

Anche recenti test somministrati ai bambini parlano di una media di tre tv per ogni appartamento. La tv a casa non aggrega, ma isola: i bambini in molti casi hanno il piccolo schermo in cameretta e scelgono in autonomia, senza alcuna mediazione del genitore, quali programmi vedere…

«Non abbiamo mai voluto la tv, perché utilizzata nei modi e nei tempi adeguati può essere addirittura educativa. Un bel film o una trasmissione adatta ai minori, vista e commentata insieme a mamma e papà può essere un momento di unione. A patto che sia veramente un momento e non l'unica attività ricreativa della giornata. In genere direi che due ore al giorno per i bimbi sono più che sufficienti e possibilmente mai da soli. Dunque no alla tv in camera perché il rischio è di perdere di vista il bambino e ciò che sta guardando. La programmazione per i minori purtroppo non è molta e spesso è in orari non adatti, quando sono ancora a scuola o troppo tardi; per averla a portata di mano quando serve consiglieri di registrare ciò che si vuol vedere e poi guardarlo negli orari migliori, magari in compagnia di mamma o papà».

Carta di Treviso, codice di autoregolamentazione televisivo, commissione Rai minori tv. Quanto funzionano davvero questi strumenti?

«Indubbiamente il codice e tutto ciò che serve a regolamentare la tv in funzione dei bimbi è un bene, il problema è che magari non sempre è efficace. Il codice sarebbe un buono strumento, purtroppo il suo effetto deterrente non è abbastanza forte, per questo ci sono così tante e frequenti violazioni. Le leggi non possono controllare tutto, molto rimane demandato alla responsabilità di chi la tv la fa. In tal senso ottima la decisione, recente, di Del Noce, di sospendere per un po' la Venier dopo la rissa a Domenica In e bandire i “protagonisti” dai programmi di Rai uno; un intervento deciso e veloce che, speriamo, possa servire da esempio».
Andrea Bernardini

Bambini e pubblicità: qualcosa non ti convince? Rivolgiti al «giurì»

Roberto Volpi: nei giornali, grandi sciocchezze sui piccoli

Il San Valentino delle famiglie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento