Isis Galileo Galilei
stampa

Piccole madri alla ricerca della libertà

La maggior parte delle donne , sopratutto nei paesi più arretrati, hanno meno privilegi rispetto agli uomini e questo è un enorme ostacolo per il progresso; molte associazioni , come Save the children , stanno combattendo per migliorare le loro condizioni di vita.

Piccole madri alla ricerca della libertà

Save the children, organizzazione internazionale rivolta a salvare la vita dei bambini, in vista dell'8 marzo, pone l'attenzione sulle discriminazioni che le donne , a partire dall'infanzia, continuano a subire ancora oggi.

Quello che emerge è che le ragazze hanno meno diritti rispetto ai loro coetanei maschi di vivere un'infanzia libera , accedere all'istruzione e prendere decisioni autonome. Più di 16 milioni e mezzo di ragazze partoriscono tra i 15 e 19 anni nei paesi in via di sviluppo , 2 milioni e mezzo prima di compierne 16. Il parto precoce e le complicazioni durante la gravidanza inoltre sono due delle principali cause di morte per le giovani donne. 

Oltre un terzo delle ragazze nei paesi in via di sviluppo, è fuori dal contesto scolastico e lavorativo. Spesso, sono emarginate dalle decisioni familiari e pubbliche. C'è inoltre l'alto rischio di sfruttamento sessuale e lavorativo, e nella maggior parte dei casi finiscono per ritrovarsi a lavorare nel circolo della prostistuzione. In alcuni paesi, ancora oggi, lo stupro coniugale non è considerato un fatto di crimine: Le ragazze non vengono ascoltate nei processi decisionali pubblici o privati. Hanno scarso accesso ai servizi di base inclusi salute e istruzione infatti per 62 milioni di loro e per una su 4, scuola ed educazione rimarranno un desiderio irrealizzabile. 

Piccole madri alla ricerca della libertà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento