Arezzo
stampa

13 settembre 2009: inizia la «missione» di Riccardo Fontana.

Domenica prossima l'arcivescovo da il via al suo ministero episcopale in diocesi. Ricca di incontri la giornata.

Si aprirà a Camaldoli alle 6 del mattino la giornata di inizio del ministero episcopale dell'arcivescovo Riccardo Fontana nella diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro.
Domenica 13 settembre sarà una di quelle date che entreranno di diritto negli annali della Chiesa locale. Benedetto XVI ha scelto l'arcivescovo nato a Forte dei Marmi, in provincia di Lucca e nell'arcidiocesi di Pisa, per guidare una comunità cristiana ricca di storia, tradizione e fede. E il 13 settembre sarà il giorno del suo «debutto» ma anche quello del ritorno nella sua Toscana.
«Quando mi è stato comunicato che avrei guidato la diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, ho accolto la notizia con grande gioia - ha raccontato l'arcivescovo nella prima intervista concessa ai mezzi di comunicazione della diocesi - È vero che le mie origini affondano in questa regione, ma sono un toscano che ha fatto l'emigrato. Avevo 18 anni quando sono entrato in Seminario e non ho mai avuto occasione di svolgere il mio ministero nella terra dove sono nato. Se mi è permesso un paragone, sarà come celebrare una sorta di prima Messa».
Il primo appuntamento dell'impegnativa giornata di Fontana sarà nel monastero di Camaldoli per la recita del Mattutino con la comunità monastica benedettina. L'arcivescovo ha sottolineato di arrivare dall'arcidiocesi di Spoleto-Norcia dove è nato san Benedetto e di essere legato all'impostazione benedettina che «consente di alternare il silenzio dell'eremo al momento del cenobio», ha detto.
Nel suo «viaggio» che il 13 settembre lo porterà ad Arezzo, la prima parrocchia che incontrerà è quella di San Niccolò a Serravalle, nel comune di Badia Prataglia. Qui l'arcivescovo si fermerà alle 8 per l'adorazione del Santissimo Sacramento e un momento di preghiera con la comunità.
Prima di fermarsi nel capoluogo, Fontana compirà una significativa deviazione che lo porterà a incontrare tre importanti realtà caritative: la casa di riposo «Santa Maria Maddalena» di Gargonza, l'istituto di riabilitazione «Madre della Divina Provvidenza» di Agazzi e la mensa Caritas nella parrocchia del Sacro Cuore e di Santa Teresa Margherita Redi in piazza Giotto ad Arezzo. Tre realtà con storie e obiettivi diversi, ma accomunate dallo stesso spirito di servizio.
La casa di riposo di Gargonza dove l'arcivescovo giungerà alle 9.30 è stata fondata negli anni '60 grazie alla determinazione di don Silvano Nanni. Immersa nel verde, la struttura offre ospitalità agli anziani e a numerosi sacerdoti. Ospite è anche il vescovo emerito di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Giovanni d'Ascenzi.
Oltre agli operatori e al personale specializzato, una comunità di suore orsoline francescane cura questa struttura che ogni giorno si confronta con il significato della vita.
Altra sosta di Fontana sarà alle 11 all'istituto di riabilitazione di Agazzi, alla periferia di Arezzo.
La struttura gestita dai padri Passionisti opera nel campo delle disabilità e promuove un concreto miglioramento delle condizioni fisiche e psicologiche delle persone che la frequentano. Quindi l'arcivescovo giungerà alle 12.15 alla mensa Caritas in piazza Giotto per condividere il pasto con gli ospiti che utilizzano la «mensa dei poveri». In tutte le mense gestite dalla Caritas diocesana sono stati distribuiti oltre 21mila pasti caldi nel 2007.
Nel pomeriggio comincerà la parte pubblica della giornata. In piazza della Libertà ad Arezzo, di fronte al Duomo, è previsto alle 17 il saluto delle autorità civili. Poi alle 17.30 avrà inizio la solenne celebrazione eucaristica per la presa di possesso della Cattedra che fu di san Satiro e del patrono san Donato.
La Messa sarà presieduta dall'arcivescovo metropolita di Firenze, Giuseppe Betori. A consegnare il pastorale a Fontana sarà il suo predecessore, l'arcivescovo eletto di Perugia-Città della Pieve, Gualtiero Bassetti. Al termine della celebrazione sarà donato all'arcivescovo a nome di tutta la diocesi una croce pettorale. Per l'occasione le Messe vespertine verranno sospese in tutta la diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro.
di Luca Primavera

Il programma della giornata
Ecco il programma del 13 settembre, giornata di inizio del ministero episcopale dell'arcivescovo Riccardo Fontana nella diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro

Parte privata
ore 6: nel monastero di Camaldoli recita del Mattutino
ore 8: nella parrocchia di San Niccolò a Serravalle, nel comune di Badia Prataglia, adorazione del Santissimo Sacramento, preghiera con la comunità e benedizione
ore 9.30: in località Dreini-Gargonza, a Monte San Savino, visita alla casa di riposo «Santa Maria Maddalena»
ore 11: in località Agazzi, alla periferia di Arezzo, visita alla comunità dei disabili presso i padri Passionisti
ore 12.15: nella parrocchia del Sacro Cuore e Santa Teresa Margherita Redi ad Arezzo visita e pranzo alla mensa Caritas
ore 13.45: rientro in episcopio

Parte pubblica
ore 17: in piazza della Libertà ad Arezzo saluto delle autorità civili
ore 17.30: nella Cattedrale di Arezzo celebrazione eucaristica per l'inizio del ministero

Al termine del rito è previsto un momento conviviale nel seminario vescovile con i cardinali, gli arcivescovi, i vescovi e le autorità civili

Domenica 20 settembre l'arcivescovo sarà a Cortona per il saluto delle autorità civili alle 17.30 e la celebrazione eucaristica nella Concattedrale alle 18, mentre domenica 27 settembre sarà a Sansepolcro per il saluto delle autorità civili alle 17.30 e la celebrazione eucaristica nella Concattedrale alle 18

13 settembre 2009: inizia la «missione» di Riccardo Fontana.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento