Arezzo
stampa

É veramente bella la chiesa della Badia. Soprattutto dopo i numerosi restauri artistici.

La Badia, uno scrigno di arte per Arezzo.

É veramente bella la chiesa della Badia. Soprattutto dopo i numerosi restauri artistici.

L'ultimo è stato quello della grande Croce attribuita a Segna di Bonaventura datata 1319. Segna di Bonaventura è il principale esponente della bottega di Duccio di Boninsegna, del quale è parente.
La presentazione ufficiale del restauro è avvenuta domenica scorsa ed è coincisa con l'inaugurazione dei restauri della cappella affrescata da Bernardino Santini con le storie della vita di San Benedetto e di Santa Scolastica. Il parroco, don Vezio Soldani, in occasione della inaugurazione dei restauri, ha ripercorso gli interventi fatti nella chiesa. «Ringrazio i devoti di Santa Rita che con le loro offerte hanno permesso di recuperare gli affresci di Bartolomeo Santini della bella cappella di San Benedetto e Santa Scolastica, considerata da oltre 60 anni di Santa Rito che qui è molto venerata fino al punto che tanti in Arezzo considerano la Badia come la chiesa di Santa Rita».
Poi un altro intervento. «Sono lieto - ha detto don Vezio - per il restauro del grande quadro di Giuseppe Santini ed ho avuto conferma anche da una recente pubblicazione che gli aretini Santini, Bartolomeo, il figlio Bernardino e il nipote Giuseppe hanno qui ben lavorato».
Ed eccoci alla grande Croce. «Essa - ha detto il sacerdote - mi ha commosso e mi commuove. Il restauro è stata ardentemente desiderato da me sin dalla mia venuta in parrocchia nel 1980 e finalmente realizzato, grazie al finanziamento del Ministero dei Beni Culturali con un contributo della Provincia ed un contributo mio personale». Don Vezio ha ringraziato le restauratrici e i restauratori e ha citato Anna Maria Maetzke, l'indimenticabile soprintendente che ha iniziato il restauro. Poi l'architetto Carla Corsi e l'attuale soprintendente Giangiacomo Martinez che con la qualificata collaborazione di Paola Refice e del restauratore Fedele Fusco ha dato l'impulso decisivo al completamento del recupero. Ha continuato il parroco: «Oggi sono davvero felice perché i continui restauri effettuati mi hanno fatto dire che sono innamorato di questa chiesa che per me è la più bella del mondo».
Lucia Zamboni

La Badia, uno scrigno di arte per Arezzo.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento