Arezzo
stampa

La Messa crismale del Giovedì Santo: «segno» di comunione per la Diocesi.

In Cattedrale ad Arezzo.

Una celebrazione a cui l'intera diocesi è chiamata a partecipare. È la Messa crismale del Giovedì Santo, uno dei momenti più significativi della Settimana Santa che porta alla Pasqua. La celebrazione si svolgerà giovedì 1 aprile alle 10 nel Duomo di Arezzo. «In Cattedrale per la Messa crismale – ha scritto l'arcivescovo a tutti i sacerdoti – è bene che siano presenti tutti i ministri della nostra Chiesa, oltre alle rappresentanze delle parrocchie perché, davanti al popolo di Dio, si "manifesti la stretta unione dei presbiteri e dei diaconi con il vescovo nel sacerdozio ministeriale, insieme alla realtà dell'unico sacerdozio battesimale"».
Fontana ha ricordato che la Messa crismale durante la quale verranno benedetti gli oli santi è quella nella quale «rinnoveremo la nostra promessa di servizio, nell'impegno di rimediare le povertà spirituali e materiali della nostra gente. È la Messa dell'"olio dei poveri" nella quale si manifestano e si esprimono la consapevolezza e la gratitudine di ognuno di noi per aver sperimentato il chinarsi del Signore sulle nostre miserie».
Da qui la novità introdotta dal Consiglio presbiterale. «Ogni anno le parrocchie di ciascuna zona pastorale, a turno, raccoglieranno l'olio che servirà per i sacramenti della nostra Chiesa e che verrà distribuito dalla Caritas diocesana alle mense e alle famiglie più povere della diocesi in questo tempo di crisi». Quest'anno l'olio sarà donato dalla zona pastorale di Cortona-Castiglion Fiorentino.

La Messa crismale del Giovedì Santo: «segno» di comunione per la Diocesi.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento