Arezzo
stampa

La croce di Febo torna al suo posto.

Con la pubblicazione del libro di Santino Gallorini, «Pellegrino verso il cielo» (che Toscana Oggi a suo tempo ha presentato), l'eremita Baldassarre Audiberti sta ritrovando quasi un sussulto di vitalità. Dopo le varie località che ne hanno riscoperto la figura e l'opera, adesso è la volta di Signa. È stata infatti ricollocata nei giorni scorsi in via dei Colli, a Signa, la Croce di Febo. Queste singolari croci, presenti in moltissime strade della Toscana e dell'Umbria, come leggiamo nel volume di Gallorini, vennero erette nell'Ottocento dall'eremita-pellegrino Baldassarre Audiberti. Il nome Febo è appunto l'acronimo presente in molte di esse: «Fecit Erigere Baldassarre Oudibert». La croce di Signa, datata 1843, è stata recentemente restaurata per volere dell'assessore alla cultura Giampiero Fossi e ricollocata al suo posto con una solenne celebrazione eucaristica presenziata dal cardinale Silvano Piovanelli, arcivescovo emerito di Firenze, nella Pieve insieme ai sacerdoti della zona.

La croce di Febo torna al suo posto.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento