Arezzo
stampa

La più bella del mondo. Ed è anche un po' aretina

A 65 anni dall'entrata in vigore della Costituzione, La Voce di Arezzo-Cortona-Sansepolcro rende omaggio all'articolo 1 della Costituzione. Un'intuizione "aretina", legata ad Amintore Fanfani. Ma cosa ne rimane oggi? I presidenti di Mcl e delle Acli di Arezzo denunciano: “I lavoratori attendono ancora le riforme. La situazione per le aziende si fa sempre più drammatica”.

La più bella del mondo. Ed è anche un po' aretina

“Fondata sul lavoro”. Un’intuizione “aretina” apre la nostra Carta Costituzionale. A 65 anni dalla sua entrata in vigore che cosa rimane di quel principio fondamentale? Uno speciale del numero 2 de La Voce  di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, il fascicolo diocesano di Toscana Oggi , ripercorre la storia dell’articolo 1 della Costituzione e del contributo del nostro territorio all’Assemblea Costituente. Intanto, i presidenti di Mcl e delle Acli di Arezzo denunciano: “I lavoratori attendono ancora le riforme. La situazione per le aziende si fa sempre più drammatica”.

Questa un'anticipazione dell'articolo a firma Agostino Coradeschi:

“[...] Nell’Assemblea Costituente ci furono tre aretini: il comunista Galliano Gervasi, sindaco di Foiano della Chiana, il socialista Enrico Grazi, sindaco di Arezzo e il democratico-cristiano, Amintore Fanfani. [...] 
Nel ricordare la nascita della Costituzione non si può dimenticare l’importante contributo dato da un aretino, assieme a quello di tanti altri che permisero, in un periodo segnato da forti divisioni politiche e culturali, di far nascere un documento unificante, nazionale di cui gli italiani, oggi come allora, devono esserne fieri oltre che degni”.

Abbonati a Toscana Oggi.

La più bella del mondo. Ed è anche un po' aretina
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento