Firenze
stampa

Dopo il terremoto, la pandemia: a Barberino di Mugello la parrocchia aspetta ancora la sua chiesa

A un anno dal terremoto in Mugello del 9 dicembre 2019, la parrocchia di Barberino aspetta di riavere la sua chiesa. Su Toscana Oggi l'intervista al parroco, don Stefano Ulivi

Percorsi: Mugello - Terremoti
chiesa Barberino

La pieve di San Silvestro, a Barberino, divenne un anno fa il simbolo del terremoto che aveva scosso il Mugello. A Barberino ci furono circa 300 sfollati, danni a interi quartieri e un centro storico improvvisamente trasformato in «zona rossa». La chiesa fu fortemente lesionata e così la canonica. Oggi, a un anno da quell’evento sismico, abbiamo chiesto al parroco don Stefano Ulivi quale sia la situazione. «Purtroppo - racconta in una ampia intervista, pubblicata su Toscana Oggi - l’emergenza sanitaria legata al Covid ha rallentato di almeno 3-4 mesi la ristrutturazione della chiesa e degli altri immobili danneggiati appartenenti alla parrocchia (l’oratorio della Misericordia e la chiesa di S. Maria a Vigesimo detta "Badia"). La stima dei danni ammonta a circa un milione e mezzo di euro. Abbiamo già il progetto per il restauro di tutti gli edifici. Abbiamo impiegato abbastanza tempo per preparare il progetto perché l’architetto e direttore dei lavori si è confrontato continuamente con il Genio civile e con la soprintendenza al fine di evitare intralci nel cammino al momento di ottenere il "nulla osta" per procedere al restauro. Il progetto è all’esame dell’Ufficio di arte sacra e beni culturali dell’arcidiocesi per ottenere il benestare e per essere presentato alla soprintendenza. I progetti, o meglio i capitolati, saranno presentati a più ditte per ottenere almeno tre preventivi nella speranza di poter iniziare i lavori a metà-fine gennaio 2021»

Nel frattempo viene utilizzata una tenso-struttura che la Protezione Civile ha messo prontamente a disposizione, che però può contenere in seguito all’emergenza sanitaria, soltanto 52 persone. «Noi sacerdoti - racconta don Ulivi - ci siamo sistemati nella parte della canonica non danneggiata riuscendo a riprendere serenamente il nostro servizio dopo il terremoto, per cui al momento il nostro bisogno è soltanto di tipo economico. Nonostante la raccolta di fondi che stiamo facendo, le assicurazioni stipulate e la speranza di avere aiuti dalle pubbliche istituzioni, la cifra da raggiungere non è cosa di poco conto. Ma speriamo nella Provvidenza. Nonostante queste prove... la fiducia e la speranza rimangono alte. E poi questa domenica è la domenica della Gioia e vogliamo gioire tutti per l’Amore di Dio, sempre e comunque!»

Dopo il terremoto, la pandemia: a Barberino di Mugello la parrocchia aspetta ancora la sua chiesa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento