Firenze
stampa

«Falsi esorcismi»: intervista a don Francesco Bazzoffi

Addolorato per le accuse che gli sono state rivolte, ma sereno e fiducioso che presto tutto sarà chiarito. Don Francesco Bazzoffi parla con tranquillità dell'indagine che lo vede coinvolto: secondo le ipotesi della magistratura avrebbe inscenato, con l'aiuto di alcuni «figuranti», falsi esorcismi per attirare nuovi fedeli. «Non ho mai praticato esorcismi - risponde - : non potrei, non essendo tra i sacerdoti autorizzati, ma non vorrei neppure farlo. Mi sono sempre limitato, da oltre vent'anni, a impartire benedizioni secondo le formule del "benedizionale"».
DI RICCARDO BIGI

Parole chiave: esorcismi (9), benedizioni (3)

di Riccardo Bigi

Addolorato per le accuse che gli sono state rivolte, ma sereno e fiducioso che presto tutto sarà chiarito. Don Francesco Bazzoffi parla con tranquillità dell'indagine che lo vede coinvolto: secondo le ipotesi della magistratura avrebbe inscenato, con l'aiuto di alcuni «figuranti», falsi esorcismi per attirare nuovi fedeli.
«Non ho mai praticato esorcismi - risponde - : non potrei, non essendo tra i sacerdoti autorizzati, ma non vorrei neppure farlo. Mi sono sempre limitato, da oltre vent'anni, a impartire benedizioni secondo le formule del "benedizionale". Ogni benedizione presuppone un cammino pastorale: la "benedizione alle famiglie" ad esempio, che viene fatta in questi giorni nelle parrocchie, viene fatta da ogni parroco secondo la propria impostazione. Io ho inserito la benedizione dei malati all'interno di un percorso di preghiera e catechesi che comprende il Rosario, l'Adorazione, la Messa. Tutto questo, seguendo l'Istruzione sulle preghiere per ottenere da Dio la guarigione promulgata nel 2000 dalla Congregazione per la Dottrina della fede e firmata dall'allora cardinale Ratzinger».

Di recente però il cardinale Antonelli con una lettera (che pubblichiamo qui sotto) le aveva tolto l'autorizzazione alle benedizioni personali…

«Questo è avvenuto nell'ambito di una indagine conoscitiva che il cardinale ha aperto sulla mia attività, anche per renderne conto ai miei confratelli. Un'indagine che ho accolto con favore, perché mi rendo conto che una attività come la mia può indurre sospetti o perplessità, ed è bene che venga verificata da chi ha l'autorità per farlo. Mi è sembrato positivo che, pur sospendendo in via cautelativa le benedizioni, in attesa di concludere la verifica, il cardinale mi conceda di continuare a celebrare la Messa e a confessare».

Dove si svolgono i vostri incontri di preghiera?

«Da molti anni ormai ci incontriamo ogni domenica alla Casa Santi Arcangeli, vicino a Barberino di Mugello. Ogni settimana ci sono circa 400 persone che vengono anche da Prato, da Bologna o da altre città, molte delle quali tornano spesso».

C'è la possibilità che qualcuno arrivi lassù con aspettative eccessive o sbagliate?

«L'aspettativa c'è sempre, nel cuore di chi soffre. Noi cerchiamo di porre tutto all'interno di una prospettiva di fede. Stiamo molto attenti a non ingenerare, né con gli scritti né con le parole, l'illusione o la speranza di essere guariti. Il rischio di un approccio superstizioso esiste, quindi bisogna spiegare bene ciò che si fa. So che alcune persone ad esempio frequentano anche altri sacerdoti o altri santuari: io dico sempre che fanno bene, ma che si devono ricordare che quello che devono cercare è Gesù, e non il prete più "bravo"».

Le capita anche di indirizzare le persone verso i sacerdoti autorizzati  fare esorcismi?

«Se penso sia utile, sì; oppure di invitarli ad andare da un medico o uno psicologo».

L'accusa che le rivolgono è di aver inscenato false guarigioni. Cosa ne pensa?

«Mi fa sorridere, se non fosse una cosa dolorosa. La mia esperienza è iniziata nel 1984: attualmente dalla Casa passano circa 20 mila persone l'anno. Come avrei potuto ingannare così tanta gente per così tanto tempo? E poi a che scopo? Quello che faccio è anche una grande fatica, e il problema è delle troppe persone che vengono: altro che usare trucchi per attirarne di più».

L'indagine della magistratura parla anche della raccolta delle offerte. Come vengono utilizzate?

«Intanto una precisazione. La Casa Santi Arcangeli non è un ente giuridico, e quindi non può avere un suo conto corrente: per questo ne ho aperto uno di cui io sono il titolare, ma tutti i miei collaboratori sanno che è il conto su cui transitano i soldi destinati alle nostre opere caritative. Possono sembrare tanti soldi, ma sono la somma di piccole offerte dei singoli fedeli. E chi controlla i conti, così come vede le entrate, dovrebbe essere in grado di vedere anche che via via questi soldi sono sempre usciti diretti in India o nelle Filippine».

A cosa sono serviti?

«In India abbiamo costruito una casa per le suore Orsoline, un istituto per anziani, la chiesa di San Pio a Mangalore costata 300 mila euro. Nelle Filippine un ambulatorio, una scuola e il noviziato per le suore. Tutti i mesi poi mandiamo alle suore, nelle Filippine, 2.500 euro che servono per l'assistenza ai bambini, e altri 1.500 euro al vescovo di Kalikit, in India, per un orfanotrofio. Questo solo per ricordare le cose più importanti. E sono tutte attività, documentate da foto e filmati, che io e i miei collaboratori abbiamo visitato più volte».

Questi soldi potevano essere gestiti con più trasparenza?

«Abbiamo sempre fatto le cose nella semplicità, ma anche nella chiarezza. Per esempio, ho già disposto, per evitare confusione, che alla mia morte la Casa Santi Arcangeli, che abbiamo acquistato e ristrutturato proprio con le offerte dei fedeli, divenga di proprietà della Santa Sede. Dire che abbia fatto tutto questo, in tutti questi anni, per interesse personale mi sembra davvero impossibile».

Da sapere

L'esorcismo è un «sacramentale» che viene praticato per sottrarre una persona dall'influenza del Maligno. Può essere effettuato solo da sacerdoti appositamente incaricati dal Vescovo. Per rispondere ai dubbi e alle domande (e anche ai tanti fraintendimenti) su questo tema, la Diocesi di Firenze ha incaricato anche alcuni sacerdoti e religiosi di informare e orientare le persone che chiedono un esorcismo. Uno di questi è padre Gabriele Alessandrini, dei Servi di Maria. «Arrivano da me molte persone - spiega - che hanno problemi di salute, familiari, economici, o situazioni che causano ansia e paura. Generalmente, alla fine si convincono che non hanno bisogno di un esorcista: in tanti anni non mi è mai capitato nessuno che ne avesse una reale necessità». Come avvengono i colloqui? «Sono molto lunghi, perché c'è bisogno di spiegare ma soprattutto di ascoltare. Spesso le persone hanno bisogno della catechesi più elementare, c'è molta confusione. Dal punto di vista dottrinale, mi rifaccio alla Nota dei vescovi toscani “a proposito di magia e demonologia” che è esaustiva e risponde a tutti i dubbi».

La lettera del Cardinale a don Bazzoffi

Caro don Francesco Saverio,
 in attesa di un'accurata verifica sull'attività religiosa instaurata presso la Casa Santi Arcangeli a Santa Lucia, dispongo quanto segue:
 1- è autorizzata la celebrazione della Santa Messa, delle Lodi e dei Vespri, della Parola di Dio, del Sacramento della riconciliazione;
 2- sono autorizzate la predicazione e la catechesi, nonché le pie pratiche come il Santo Rosario, l'Adorazione Eucaristica e la Via Crucis;
 3- è proibito qualsiasi rito speciale e paraliturgico di benedizione (ad es., imposizione delle mani, unzioni, aspersioni) su singole persone o su gruppi, rimanendo consentita peraltro la benedizione con il segno della croce;
 4- è proibita qualsiasi forma di esorcismo;
 5- è consentita la raccolta di offerte libere, da tenere assolutamente separata dalle attività commerciali regolarmente autorizzate dalle autorità amministrative competenti.
 Questi provvedimenti, che leggerai ai tuoi fedeli, entreranno in vigore a partire da domenica 14 ottobre e dureranno fino a nuove disposizioni da parte mia al termine della verifica.
 Confidando nella sincera obbedienza di tutti coloro che frequentano la Casa Santi Arcangeli a Santa Lucia, imparto di cuore la mia benedizione nel nome del Signore.

Card. Ennio Antonelli, arcivescovo di Firenze

«Falsi esorcismi»: intervista a don Francesco Bazzoffi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Emilia 28/10/2011 00:00
Ho frequentato assiduamente la Casa Santi Arcangeli e Don Francesco per molti anni.
Lo ringrazio infinitamente per tutto il bene che mi ha fatto sia materialmente che spiritualmente. Mi aperto gli occhi e il cuore alla fede. Ringrazio Dio per avercelo dato. Son assolutamente certa della sua onestà e buona fede. Io stessa ho fatto donazioni e continuo a farle poiché non ho alcun dubbio della loro destinazione. In tal modo io ho ringraziato Dio per avermi salvata tramite Don Francesco, suo servo fedele.
I soldi che ho donato sono andati a beneficio di poveri e bisognosi in diverse parti del mondo.
Attenzione Dio ci chiederà conto anche della nostra malizia e della mancanza di fiducia nei suoi ministri e servitori (leggete le Sacre Scritture!)
Coraggio Don Francesco... ti vogliamo bene
Avatar
guidi giuliano 04/08/2011 00:00
caro don francesco io venni a s.lucia tantissimi anni fa ( venti ) e ricordo le stranezze delle funzioni sicuramente son ignorante in materia ma ritengo che l'arcivescovo abbia fatto bene a far (rispettare regole ) io penso che con la preghiera semplice si possa già far miracoli, lei dovrebbe scontar pena non con la magistratura ma con il signore
Avatar
Loris 20/05/2010 00:00
sono stato in quella Casa Santi Arcangeli: una vera vergogna! come si fa a pregare in mezzo agli indemoniati!? Il vescovo locale deve chiudere quel centro AL PIU PRESTO!
Avatar
emi 10/03/2009 00:00
Carissimo Cardinale,riconosco che la Chiesa faccia molto bene a tutelare i fedeli ma, stia attento perchè il demonio è: molto furbo,astuto,padre della menzogna, ha la capacità di ingannare e sedurre l'uomo, quindi farà di tutto per abolire ogni singola benedizione o preghiera di liberazione.
Si ricordi,che è il miglior menzoniere (demonio)e le anime che Don Fracesco gli porta via, lui in cambio,porrà inamicizia,indagini....
Lasci che Don Francesco faccia il bene a cui è stato chiamato da Dio con l'immenso carisma donatogli.
Non si faccia ingannare dal demonio non gliela dia vinta, la prego!!!!!!!!!!!
Spero che possa leggere queste mie righe e si ricordi che:la confessione è il potere più grande che Dio vi ha dato contro la lotta, è l'esorcismo più grande!!!!!
Cordiali saluti Emi
Avatar
Gerardo 07/07/2008 00:00
voglio esprime tutta la mia solidarietà verso Don Francesco... sono completamente sicuro della sua innocenza... ho trascoros molte giornate di preghiera insieme alla comunità di don Francesco portando alcune persone, molte delle quali da quel giorno si sono convertite alla fede... e se è vero che dai frutti li riconoscete... non posso aver dubbi
Avatar
a.gemma 13/04/2008 00:00
uomo di Dio, ha aperto molti cuori, sollevato molte sofferenze sempre in nome di Gesù, mai a scopo di lucro, ma solo in nome di Dio. Perdoni nostro Signore chi lo sta accusando.
Avatar
Roberta 03/04/2008 00:00
Salve, questa notizia mi ha non poco sconvolta perchè conobbi don Francesco molti anni fa. Stavo attraversando un particolare momento di sofferenza e un'amica mi inviò da lui. All'epoca aveva la parrocchia in un paesino non lontano da S.Lucia e faceva li le benedizioni. Mi colpì la sua personalità, il suo carisma particolare...ma il suo rito di benedizione..bè era simile ad un esorcismo perchè non appena impartì le prime formule si alzarono urla cavernose e alcune persone soprattutto donne svenivano o erano in preda a spasmi. Non riuscii a stare fino alla fine ero terrorizzata e scappai. Per molto tempo ho vissuto con sensi di colpa per questa fuga..ero convinta che questa dipendesse dal maligno. ...lo incontrai una volta da Padre Pio dove gli confidai questi timori..mi sorrise bonariamente e mi benedì. Spero che tutto questo si chiarisca..se ci ha veramente ingannati si possa pentire..di una cosa ne sono certa, il suo carisma è veramente grande ma non mi ha mai dato quella sensazione negativa.
Grazie per l'attenzione

Totale 7 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento