Firenze
stampa

Firenze, il corpo del Beato Ippolito Galantini traslato in cattedrale. La Messa per la ripresa del Cammino sinodale

Da oggi c'è un motivo in più per entrare nella cattedrale di Santa Maria del Fiore: venerare il Beato Ippolito Galantini. L'urna che contiene il corpo è stata esposta davanti al presbiterio, offerta alla preghiera dei fedeli nel quarto centenario.  L'occasione per pregare davanti alla reliquia del Beato è stata la Messa con cui la diocesi di Firenze ha aperto l'anno pastorale, con il Mandato agli animatori pastorali e la ripresa del Cammino sinodale.

Beato Ippolito Galantini

La giornata si è aperta nel segno del Mese Missionario straordinario indetto da Papa Francesco. "Battezzati e inviati": il messaggio del Papa è stato anche il tema di questa celebrazione presieduta dal cardinale Giuseppe Betori, che ha preso avvio nella basilica di San Lorenzo, dove è iniziata la processione che prima di arrivare in cattedrale ha attraversato il battistero. Un modo per fare memoria del Battesimo, e della chiamata a partecipare alla missione evangelizzatrice che appartiene ad ogni battezzato.

Durante la Messa, l'arcivescovo ha ricordato il Cammino sinodale che vede impegnata la Chiesa fiorentina: "La fede deve guidarci nella nuova fase del Cammino sinodale a cui diamo avvio oggi, quella in cui vogliamo portare la gioia del Vangelo nell’incontro con la società in cui il Signore ha posto la nostra Chiesa fiorentina. Il dialogo che vogliamo avviare per cogliere le attese profonde della gente di questo territorio e capire il contributo che come credenti possiamo offrire ad educare la domanda e orientare la risposta, parte da un discernimento dell’esperienza umana che solo la luce della fede può aiutare a rivelare nella sua autenticità".

In questo contesto, ha spiegato Betori, si colloca anche l'esposizione dell'urna del Beato Ippolito Galantini: "un servitore della parola di Dio per la formazione delle coscienze di ragazzi, giovani e adulti, da meritarsi dall’arcivescovo del tempo il titolo di “Apostolo di Firenze”. Ne vogliamo onorare oggi la memoria, dobbiamo soprattutto rinnovare la dedizione con cui egli, semplice laico, divenne strumento di rinnovamento della Chiesa nei decenni che seguirono il Concilio di Trento, anch’egli in un cambiamento d’epoca come siamo noi oggi. E la sua opera era proprio la proposta di un’esperienza di fede in cui si intrecciavano dottrina e spiritualità, conversione personale e edificazione comunitaria". 

La celebrazione si è conclusa con il Mandato del cardinale Betori ai catechisti e a tutti coloro che prestano servizio in ambito pastorale, liturgico, caritativo.

Firenze, il corpo del Beato Ippolito Galantini traslato in cattedrale. La Messa per la ripresa del Cammino sinodale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento