Firenze
stampa

Natività di Maria, a Firenze la veglia del 7 settembre: pellegrinaggio in forma ridotta

Un decennale in tono minore, ma non per questo meno significativo. A causa dell’emergenza Covid, infatti, quest’anno non sarà possibile organizzare e proporre nella forma consueta l’ormai tradizionale pellegrinaggio del 7 settembre, vigilia della Natività di Maria, tra la basilica dell’Impruneta e quella della Santissima Annunziata, giunto appunto alla decima edizione. Ma non per questo non si farà niente

Percorsi: Pellegrinaggi
locandina

In un certo senso sarà una specie di ritorno alle origini, a quel 7 settembre di 10 anni fa quando un gruppo di qualche decina di amici, senza servizio d’ordine né sostegni d’altro tipo, s’incamminò dal santuario imprunetino verso Firenze. Anche stavolta sarà praticamente così, con una rappresentanza autonoma di 15-20 persone al massimo in cammino - senza alcuna possibilità di aggregazione da parte di altri - cui saranno affidate le intenzioni di preghiera giunte nel frattempo, da consegnare alla fine davanti alla Vergine Annunziata per il momento di preghiera finale, presieduto dal cardinale Giuseppe Betori. L’appuntamento nella basilica della Santissima Annunziata è per le 21,15 e potrà invece accogliere un numero più consistente di partecipanti: la partecipazione in presenza sarà infatti possibile fino al riempimento dei posti disponibili nel rispetto delle norme sanitarie anti-Covid, per un massimo di 150. L’evento verrà comunque trasmesso anche in diretta streaming sia su Radio Toscana che sul sito di Toscana Oggi e su quello del pellegrinaggio. In piazza ovviamente, al contrario degli anni scorsi, non è prevista alcuna festa con le rificolone come protagoniste.

Tra le intenzioni di preghiera di quest’anno saranno certamente in primo piano quelle per le vittime della pandemia, per il superamento delle difficoltà economiche e occupazionali che questa ha generato e per il ritorno a una vita normale e serena, nella speranza di poter ringraziare per tutto ciò in occasione del successivo pellegrinaggio nel 2021. Ma saranno anche ricordati gli amici del pellegrinaggio scomparsi negli ultimi anni, come don Paolo Bargigia e Caterina Morelli, autrice del logo dell’iniziativa, il dottor Roberto Romanelli e Niccolò Bizzarri, il giovane affetto da sindrome di Duchenne morto lo scorso gennaio in seguito a una caduta dalla sua carrozzina.
È possibile comunque per tutti mandare le proprie intenzioni di preghiera scrivendole sul sito www.pellegrinaggionativitamaria.org affinché vengano portate nel cammino dal gruppetto di pellegrini e affidate la sera all’Annunziata.

Natività di Maria, a Firenze la veglia del 7 settembre: pellegrinaggio in forma ridotta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento