Firenze
stampa

Quaresima, card. Betori: «Evitare il raffreddamento della Carità»

Ha usato le parole delle poetessa fiorentina Margherita Guidacci per invitare a riflettere sull'inizio della Quaresima, il cardinale Giuseppe Betori, durante la Messa nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore, durante la quale si è svolto il rito della cospersione delle ceneri.

Quaresima, card. Betori: «Evitare il raffreddamento della Carità»

«Dopo il grigio immaginarmi polvere, che nuovo e caldo fremito pensare che le anime saranno allora accanto senza ostacoli e questa stessa polvere – la mia e la tua mescolate – danzerà nel vento e brillerà nel sole e avrà dall’acqua, come al tempo dell’origine, un così gaio slancio verso la vita!». È questa la poesia di Margherita Guidacci (di cui alla Certosa, nei giorni scorsi, un convegno ha ricordato i venticinque anni dalla morte) che l'Arcivescovo di Firenze ha citato durante la celebrazione in Duomo.

«Abbiamo bisogno - ha affermato Betori - di ricuperare quest’ottica pasquale nella quotidianità della vita di fede, che troppe volte, anche per nostra colpa, rischia di apparire agli occhi del mondo come una rinuncia alla vita e non come la sua più piena attuazione». In quest'ottica vannoi lette anche le opere quaresimali: l'elemosina, la preghiera, il digiuno. Digiuno, ha sottolineato, che «non va confuso con una qualsiasi pratica di ascesi, che molti sono pronti a fare oggi per migliorare le proprie condizioni corporee. Il digiuno cristiano è invece riconoscimento che anche il nostro corpo è un dono di Dio e che il nostro corpo non è tutto. L’imposizione del limite, al cibo o a qualsiasi altro beneficio corporale, significa riconoscere che siamo creature e che la nostra esistenza non è nelle nostre mani ma in quelle del Creatore. Noi siamo più delle cose, perché noi siamo figli di Dio».

Quaresima, card. Betori: «Evitare il raffreddamento della Carità»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento