Lucca
stampa

Daniele, cantautore di Camaiore: «Conta il lato umano, l’immagine non è tutto»

È ancora top secret il titolo dell’album, prossimamente in uscita, del cantautore Daniele Barsanti. Nato nel 1990 e residente a Lido di Camaiore, Daniele è reduce dal successo del singolo indie/pop «Fuori dai locali», secondo estratto del nuovo disco che sarà prodotto dall’etichetta Apollo Records.

Daniele Barsanti

Lo incontriamo.

Quando hai scoperto la passione per la musica?
«L’evento scatenante è stato quando, alle superiori, durante un concertino di fine anno, suonarono dei miei compagni di scuola e io mi innamorai dell’atmosfera che si crea in momenti del genere».

Quali sono gli artisti che più stimi e a cui ti ispiri?
«Vasco Rossi e Lucio Dalla, come vedi dai libri che ho in studio. Poi Cesare Cremonini e Jovanotti».

Hai progetti in cantiere?
«Ho progetti in cantiere e il vino in cantina! Quando è finito il vino tendenzialmente mi vengono in mente i progetti. Adesso voglio far uscire un bel disco e spero di farvelo sentire nella maniera più impetuosa che posso perché è veramente come la risacca del mare, è un’ondata. Un’ondata di vino!» (scherza e ride..., ndr).

Hai iniziato la tua carriera con la «benedizione» di nomi importanti. Sei stato scoperto da Saturnino Celani (bassista di Jovanotti); hai aperto i concerti di Francesco GabbaniTommaso Paradiso ha condiviso su Instagram il tuo brano «Le commesse».

Puoi dirci qualcosa di più su questi incontri?
«Con Saturnino andò così: gli mandai la mia canzone “Lucia”. A lui piacquero la melodia e il testo e la postò su Facebook. Paradiso casualmente ascoltò “Le Commesse” su una radio romana, quando il pezzo era già uscito dalla programmazione e mi scrisse su Instagram. Di solito si pensa che gli incontri tra artisti devono avvenire attraverso management, invece no, il lato umano è quello che ci unisce perché di base siamo tutti innamorati delle canzoni. Non ci importa della classifica».

Vediamo sempre più spesso che i cantanti hanno look ricercati (vedi i Måneskin a Sanremo). È davvero così importante l’aspetto per avere successo nel mondo della musica?
 «L’immagine è importante ma deve essere in linea con quello che sei, poi è normale che sia iconizzata dalle copertine. Se penso a Venditti me lo immagino col trench chiaro, così come Verdone ma perché io ho questa idea di loro. L’abito non fa il monaco, tanto quando fai un’intervista o un live sei alla prova del nove, lì esce fuori la tua vera personalità».

Cosa pensi dei talent?
«Dipende dai progetti musicali e dall’età in cui partecipi. Secondo me Sangiovanni ad Amici spacca, perché è adatto alla TV ma altri no. Io partecipai a X-Factor, feci un provino ma non era un programma adatto a me, almeno all’epoca, o semplicemente non ero adatto io a quel format. Preferisco la vecchia maniera dei concerti e delle radio. Il mio è un progetto che non può essere smontato dalla televisione, ne andrebbe della sua credibilità».

Daniele, cantautore di Camaiore: «Conta il lato umano, l’immagine non è tutto»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento