Lucca
stampa

Esce la canzone con il testo di Papa Francesco, verrà diffusa il 3 marzo

Esce il 3 marzo la prima canzone con il testo firmato da Papa Francesco e autorizzato dal Vaticano. S'intitola "Ama e dimentica", è una preghiera pop che parla di pace e amore universale. La musica è del cantautore lucchese Stefano Picchi.

Percorsi: Cultura - Musica - Pace - Papa Francesco
Via libera del Vaticano a Picchi per la canzone con il testo di Papa Francesco

Venerdì 3 marzo uscirà "Ama e dimentica" la canzone di Stefano Picchi, cantautore lucchese, che ha messo in musica un testo firmato da Papa Francesco. Nello stesso giorno sarà presentato anche il video con le immagini del Santo Padre, concesse in via eccezionale dal Centro Televisivo Vaticano e autorizzate dalla segreteria di Stato. Il brano è stato già tradotto in diverse lingue e presto Picchi lo porterà in giro per il mondo.

Tutto avverrà, venerdì 3 marzo, in anteprima mondiale a TV2000 dalle ore 17.30 nel programma "Il diario di Papa Francesco" dove l'artista toscano verrà intervistato, La puntata sarà interamente dedicata a questo progetto, nato nel 2013, quando Stefano decide di scrivere una lettera direttamente a Papa Francesco proponendogli di realizzare una canzone insieme, utilizzando le frasi più significative del suo magistero.

Picchi, con grande entusiasmo dichiara: "Sono orgoglioso di portare in giro per il mondo questo messaggio di pace, e mi lusinga la vicinanza dei governanti dei paesi che hanno manifestato disponibilità a trasmettere questo messaggio, mi auguro che questo progetto si diffonda in tutto il mondo, perchè mai come adesso c'è bisogno delle parole di Papa Francesco".

C'è molta attesa per questa canzone. Una preghiera pop per la pace per la quale in molti avevano ipotizzato perfino una sua partecipazione, magari fuori gara, all'ultimo Festival di Sanremo targato Carlo Conti. Così non è stato ma la canzone sicuramente è destinata ad essere diffusa in tutto il mondo.

Intervista a Stefano Picchi del dicembre 2016, rilasciata a ToscanaOggi

Biografia Stefano Picchi

Stefano Picchi, nato a Lucca nel 1974, inizia a studiare pianoforte a dieci anni. Già a tredici compone le sue prime vere e proprie canzoni e le sperimenta con un piccolo gruppo di amici. Nel 1992 si iscrive al Conservatorio "Luigi Boccherini" di Lucca come oboista e studia lo strumento per cinque anni. Nel 2001 arriva in finale al Festival di S. Marino con "Ciao Charlie", un brano dedicato al celebre disegnatore Charles M. Schulz. Nel 2004 si aggiudica il 7° posto al Festival di Sanremo con "Generale kamikaze" e poi nel luglio dello stesso anno al "Lucca Summer Festival" collabora con una grande artista della musica internazionale: Alicia Keys.
L’anno successivo viene invitato da Claudio Baglioni a partecipare alla rassegna "Oscià", dove Stefano presenta le sue canzoni accompagnato al pianoforte dallo stesso Baglioni e reinterpreta un famoso successo del grande artista romano. Negli anni poi collabora con Patty Pravo, con i Gipsy King e tanti altri.
Nel 2012 omaggia Marco Simoncelli, campione di motociclismo scomparso il 23 ottobre 2011, con il singolo inedito "Marco piega a mille all’ora" balzando nei primi posti delle canzoni più cliccate su Youtube. I proventi economici del brano sono stati destinati dall’artista toscano alla fondazione "MarcoSimoncelli 58 onlus", con il beneplacito della famiglia del giovane campione scomparso a tragicamente sul circuito di Sepang.  Nel 2013 fonda con tre amici l’associazione "Andare Oltre SI Può" un progetto artistico e solidale con finalità benefiche per sostenere l’associazione "Down Lucca".
Nel mese di novembre, sempre del 2013, è ospite fisso in un tour europeo di Massimo Ranieri.
All’attivo due album pubblicati: "Pensieri Sospesi" del 2005 che contiene la già citata "Generale kamikaze": del 2008 è il secondo album "Il muro delle rose".

Fonte: Comunicato stampa
Esce la canzone con il testo di Papa Francesco, verrà diffusa il 3 marzo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento