Lucca
stampa

Ospedali Lucca, Cgil Cisl e Uil: "lavoratori al servizio front office e cup in stato di agitazione dal 27 luglio"

Cinquanta lavoratori in bilico a Lucca: parliamo degli addetti al servizio front office e cup degli ospedali che nel passaggio di consegne al Consorzio Cns dal 1° agosto non sanno ancora niente dei loro destini contrattuali.

Da sinistra: Sonia Campeol referente appalti Cgil, Sabina Bigazzi, Filcams Cgil, Giovanni Bernicchi, Fisascat Cisl, Simone Marsili, Uiltrasporti

Con il nuovo appalto che scatterà il primo agosto, quindi tra pochi giorni, non sanno ancora quali saranno i loro destini contrattuali e i servizi di cui si dovranno occupare. Sabina Bigazzi per Filcams Cgil, Giovanni Bernicchi per Fisascat Cisl e Simone Marsili per Uiltrasporti, nella conferenza stampa che si è svolta stamani, 23 luglio, nella sede Cgil hanno annunciato forti azioni di protesta, con iniziative a partire da lunedì 27.

"Stiamo riscontrando una netta rigidità da parte di Cns, aggiudicatario della gara indetta da Estar per conto dell'Asl, rispetto all'applicazione dei contratti collettivi diversi rispetto a quelli attualmente applicati - dicono i referenti sindacali delle tre sigle -. Non condividiamo neanche la possibile armonizzazione proposta a compensazione delle differenze retributive previste tra i due contratti, in quanto non conforme al previsto percorso che avrebbe dovuto mantenere l'applicazione contrattuale vigente".

In Cns, infatti, le opzioni contrattuali si biforcano tra la coop sociale e quella multiservizi, con differenze retributive e normative che possono ricadere sui lavoratori. "Teniamo conto  che lavoratrici e i lavoratori coinvolti - sottolineano - hanno già dovuto subire nel corso degli anni una variazione contrattuale che ne ha peggiorato le condizioni economiche normative, e che quasi la totalità dei 50 dipendenti a Lucca sono già part time".

"Resta ancora aperto il confronto - specificano Bigazzi (Filcams Cgil), Bernicchi (Fisascat Cisl), e Marsili (Uiltrasporti) - che si dovrà svolgere a livello territoriale tra aziende affidatarie, Asl e OOSS, sulla nuova organizzazione del lavoro, tema assolutamente rilevante per il quale visto anche i tempi ristretti, rappresentiamo grande preoccupazione. Ad oggi la Asl non ha nemmeno prodotto la configurazione dei servizi e manca solo una settimana all'avvio del nuovo appalto. Per questi motivi continuiamo a rappresentare le oggettive difficoltà di un percorso che con il necessario buon senso avrebbe avuto esiti condivisi, per le quali continueremo a chiedere alle istituzioni e soprattutto a Cns  - continuano le organizzazioni - di abbandonare il radicalismo con il quale si è approcciato a questo appalto per iniziare con il piede giusto un servizio di grande importanza sociale che di tutto avrebbe bisogno tranne che di una diffusa conflittualità".

Conclusioni: "Confermiamo lo stato di agitazione già avviato e - annunciano le tre sigle - promuoveremo iniziative di mobilitazione a partire da lunedì 27 luglio".

Fonte: Comunicato stampa
Ospedali Lucca, Cgil Cisl e Uil: "lavoratori al servizio front office e cup in stato di agitazione dal 27 luglio"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento