Pisa

Vita Nova - Settimanale della Diocesi di Pisa
Redazione: Piazza Arcivescovado, 18 - 56126 Pisa
Tel. : 050 565543 - fax: 050 565544 - toscanaoggi@pisa.chiesacattolica.it

Vuoi leggere la rivista online? Visita la nostra Area abbonati (accessibile ai soli abbonati)

Il tentativo di dialogo fra studenti e università  e fra università e città di Pisa: una sfida da non sottovalutare, mentre l'ateneo ha superato i 50mila iscritti. Le necessità  più urgenti: aule, biblioteche, luoghi di aggregazione «sana». E un posto letto che non costi un occhio della testa

Monsignor Gino Biagini: «In generale si parla poco delle cose ultime: i quattro Novissimi  del Catechismo sono invece da riportare al centro della predicazione e della catechesi»

Le storie di alcuni giovani entrati da poco in Seminario: «Abbiamo bisogno delle preghiere della comunità diocesana»

La richiesta del giovane ricco risuona anche oggi nel cuore dell'uomo: «che cosa devo fare per avere la  pienezza della vita?». Attorno a questa domanda ruoteranno le attività del Servizio per la Pastorale giovanile per il 2009-2010. Durante la celebrazione di apertura dell'anno pastorale l'arcivescovo ha ricordato ai ragazzi: «le risposte più vere sono racchiuse nel vostro cuore»

L'arcivescovo incontra  in questi giorni i laici impegnati nelle parrocchie. A tutti l'invito  a vivere la santità come «misura alta della vita ordinaria»

Nostra visita alla Certosa di Calci, abitata per secoli da monaci e conversi

Il professor Ernesto Diaco, vice responsabile del Servizio nazionale per il progetto culturale della Cei, apre giovedì 15 ottobre la nuova scuola di formazione per animatori e catechisti. Se ne fanno promotori l'Azione cattolica, il Centro pastorale per l'evangelizzazione e la catechesi e la scuola di formazione teologica

Era il 1209 quando Francesco decise di partire per Roma con i suoi primi compagni per essere ricevuto dal papa. Ottenuta un'udienza, per poter spiegare a Innocenzo III quali erano gli intenti e gli scopi della fraternità, si vide costretto a scrivere un documento, brevissimo e molto semplice, e che si può riassumere, nel desiderio di vivere alla lettera il Vangelo

Da 891 anni la Cattedrale dell'Assunta di Pisa è «cuore» della diocesi. Segno di una Chiesa dove tutti devono essere «pietre vive»

È uno dei polmoni verdi più belli della Toscana, per secoli terra prediletta anche dai monaci  di diversi ordini religiosi: nei giorni scorsi uno spaventoso incendio ha distrutto oltre duecento ettari di pineta e oliveti.  Il sindaco: «Una ferita che sarà difficile rimarginare»

La nostra diocesi in festa accoglieva, venti anni fa, Giovanni Paolo II in visita pastorale. Due giorni intensi. I più non li hanno dimenticati.

Sarà forse l'abitudine italica di «fare tutto all'ultimo momento». Sarà la pigrizia, o l'ansia che suscita una «sanatoria» che non ha precedenti nel suo genere e desta perciò qualche dubbio. Fatto sta che l'ondata di richieste per la regolarizzazione del rapporto di lavoro con colf e badanti ancora non c'è stata. I patronati ed i professionisti pisani, intermediari fra cittadini e palazzo, prevedevano di «trattare», entro fine mese. almeno 3500 richieste di regolarizzazione.
Fino ad oggi - secondo dati fornitici dal Ministero degli Interni e riferiti alla provincia di Pisa - sono stati invece meno di 900 i moduli distribuiti ai datori di lavoro (dato aggiornato a mercoledì), mentre le pratiche già pervenute a Roma erano - nel momento in cui chiudevamo il giornale - 642.

La Chiesa pisana in festa celebra la Dedicazione della Cattedrale. Lo fa sabato 26 settembre in una concelebrazione eucaristica presieduta dal nostro arcivescovo.
L'arcivescovo, monsignor Giovanni Paolo Benotto, ha scritto una lettera per invitare tutti a partecipare alla celebrazione. Eccone il testo integrale

Sulla memoria digitale della loro macchina fotografica restano le immagini di Betlemme, Nazareth, Gerusalemme o del lago di Tiberiade. Ma nel cuore dei pellegrini cosa è rimasto del viaggio diocesano in Terra Santa? Cosa resta in loro dei tanti luoghi veduti, delle persone incontrate, delle celebrazioni cui hanno partecipato e delle meditazioni ascoltate? Dopo la testimonianza inviataci da alcuni seminaristi, abbiamo chiesto ad altri pellegrini che - dal 20 al 27 agosto si sono recati con l'agenzia «Millennium» in Terra Santa - di raccontarci come quell'esperienza abbia «segnato» in qualche modo la loro vita.

Negli angoli più poveri del mondo, per portare speranza e aiuto. Ogni anno sono molti i missionari della diocesi che partono per esperienze soprattutto in Africa e nell'America del Sud. Creando, così, ponti di solidarietà e nuovi stili di vita.

Celebrazioni domenicali  e feste patronali, adorazione eucaristica, veglie di preghiera e confessioni, catechismo in spiaggia; ma anche spettacoli, iniziative culturali occasioni di svago. Nei luoghi di villeggiatura parroci e laici incontrano i villeggianti, li ascoltano, creano legami che durano nel tempo. Perché le ferie non siano una «vacanza» anche da Gesù

I festeggiamenti nel giorno dei santi Gioacchino e Anna e le iniziative per la commemorazione della strage nazista che costò la vita a 560 civili. Sant'Anna di Stazzema si prepara a entrare nel vivo delle celebrazioni, che culmineranno nella cerimonia religiosa e civile del 12 agosto