Pisa

Vita Nova - Settimanale della Diocesi di Pisa
Redazione: Piazza Arcivescovado, 18 - 56126 Pisa
Tel. : 050 565543 - fax: 050 565544 - toscanaoggi@pisa.chiesacattolica.it

Vuoi leggere la rivista online? Visita la nostra Area abbonati (accessibile ai soli abbonati)

Meno costi per l'impresa, più risorse ed investimenti per il made in Italy. È l'equazione che riassume l'impegno di Coldiretti per valorizzare le energie alternative ed in particolare il biodiesel.

«Da noi - osserva il rettore don Roberto Filippini - si pone molta attenzione all'esperienza di vita comunitaria, considerato che nel suo servizio il prete deve essere tessitore di relazioni e comunione nella comunità cristiana. La disponibilità alla partecipazione è ancor più importante se si considera che la collaborazione fraterna tra i preti si renderà sempre più necessaria all'interno delle unità pastorali».

Ogni parola scritta dall'uomo non gli appartiene più: essa avrà per sempre una vita propria; l'autore passerà, ma la sua parola scritta continuerà a comunicare con gli uomini delle generazioni successive.

  L'Avvento è il tempo dell'attesa dell'incontro con Gesù. Come viverlo? Alcuni suggerimenti arrivano dai centri pastorali della diocesi, sintetizzati nell'invito «glorificate il Signore con la vostra vita in compagnia dell'Emmanuele».

Un campanile alto trentasette metri da cui sarà possibile osservare tutta la costa, da Piombino all'arcipelago toscano fino alle Cinque Terre. Stiamo parlando del campanile della basilica di San Piero a Grado che potrebbe tornare a svettare nel cielo pisano diffondendo il suono delle sue campane.

L'uomo torni al centro delle scelte politiche. È la speranza che nutrono i promotori della 3 giorni Toniolo, in programma da giovedì 17 a sabato 19 novembre a Pisa e San Miniato. Di «neopersonalismo» parlerà nella sua relazione introduttiva il professor Andrea Bonaccorsi dell'Università di Pisa.

La basilica paleocristiana è una tipologia architettonica importantissima perché ha influenzato ed influenza tuttora l'architettura sacra. Secondo alcuni grandi studiosi, gli architetti, discostandosi da quello stile, non avrebbero più disegnato edifici sacri, ma semmai spazi architettonici profani usati come luoghi sacri.

L'inaugurazione ufficiale, ci sarà tra qualche settimana, ma il nuovo anno accademico è già iniziato. Matricole e studenti «anziani» sono già tornati nelle aule universitarie, così come i loro docenti.

La visita pastorale a Pontedera si sta dimostrando per quello che occasioni di questo tipo dovrebbero rappresentare: una possibilità di apertura e di ascolto reciproco».

Finalmente è una realtà: il servizio civile nazionale (Scn) si tinge di rosa. Infatti dal 2005 i tradizionali 12 mesi di impegno nel sociale non sono più concepiti come alternativa agli obblighi di leva ma come una proposta a cui possono aderire i ragazzi e, oggi, anche le ragazze tra i 18 ed i 28 anni.

L'ultima nota dei vescovi italiani invita la comunità ecclesiale ad inserire con urgenza il tema del «primo annuncio» nell'agenda pastorale. Un invito che sarà al centro della tre giorni di formazione per il clero in programma da martedì a giovedì prossimi alla casa «Regina Mundi» di Calambrone. Tre giorni di riflessione e di confronto cui parteciperanno don Paolo Sartor, don Vincenzo Solazzi, don Giuseppe Raciti e monsignor Domenico Sigalini vescovo di Palestrina e presidente del Centro di orientamento pastorale, che abbiamo intervistato.
DI TOMMASO STRAMBI

A Buti una sagra per ogni contrada, a San Piero a Grado ultimo fine settimana con la sagra del Pinolo, a cui prestano servizio un centinaio di volontari. A Filettole si rinnova, nei dintorni della chiesa, la gustosa tradizione della festa della birra bavarese (birra prodotta in un monastero)

Da fine giugno e fino al 15 gennaio del prossimo anno a Palazzo Pretorio- la mostra «l'Aratro ed il Calamo», organizzata dal comune di Vicopisano e dall'Università Ca' Foscari di Venezia dopo dieci anni di scavi e studi archeologici a San Michele arcangelo alla Verruca

A Buti una sagra per ogni contrada, a San Piero a Grado ultimo fine settimana con la sagra del Pinolo, a cui prestano servizio un centinaio di volontari. A Filettole si rinnova, nei dintorni della chiesa, la gustosa tradizione della festa della birra bavarese (birra prodotta in un monastero)

Schiamazzi, atti di vandalismo, cattivo uso di strade e piazze. Il centro di Pisa è terra di nessuno. L'esperienza vissuta dal nostro cronista tra il «popolo della notte». Senza danni, per fortuna.

A Korazim, sul colle comunemente chiamato Monte delle Beatitudini dove Gesù pronunciò il Discorso della montagna (raccontato dall'evangelista Matteo nel quinto capitolo), detto a salita al Monte delle Beatitudini. O nella basilica sul monte Tabor, la cui luminosità richiama l'esperienza della trasfigurazione di Gesù di fronte a Pietro, Giacomo e Giovanni (Matteo 17.1-9). Il Getsemani, il podere ad est di Gerusalemme, vicino al monte degli Ulivi, dove Gesù pregò con i suoi discepoli, e fu arrestato (Mt 26.30 - 36). O la via crucis, tra le strette vie di Gerusalemme, dove l'emozione e la preghiera fanno breccia tra il vociare del suk e l'indifferenza della gente, un'esperienza che deve aver provato anche Gesù nel suo calvario. O l'impatto con il Santo Sepolcro, dove si tocca con mano (e fa soffrire) la divisione tra cristiani. Ha guidato il pellegrinaggio don Roberto Filippini, 57 anni, teologo e biblista, delegato arcivescovile per l'ecumenismo e, dal 1999, rettore del seminario. Don Roberto conosce bene la Terra Santa: vi è stato quindici volte in pellegrinaggio.