Pisa
stampa

DIACONI, COMUNITA' IN CRESCITAdi Andrea Bernardini

Infornata di nuovi lettori e accoliti in diocesi di Pisa. La sera di venerdì 5 ottobre (ore 21) l'arcivescovo nella chiesa di Santa Caterina (la cui facciata è stata da poco restaurata, ndr) Alessandro Plotti conferirà il ministero di lettorato a Simone Giachetti (proveniente da Pontasserchio), Nello Montella (di San Pietro in Palazzi), Giorgio Redini (di Uliveto), Giancarlo Russo (di Lorenzana - Orciano) e Moreno Volpi (di Orzignano). E quello dello dell'accolitato a Antonino Baglione (Carmine, Pisa), Romano Casarosa (San Biagio, Pisa), Franco Lari (Buti), Luciano Lencioni (Duomo di Pontedera), Giovanni Mattii (Buti), Gianluca Panicucci (Duomo di Pontedera) e Paolo Quattrone (San Michele in Borgo, Pisa). Alcuni di questi fanno parte della comunità diaconale, altri no.

Infornata di nuovi lettori e accoliti in diocesi di Pisa. La sera di venerdì 5 ottobre (ore 21) l'arcivescovo nella chiesa di Santa Caterina (la cui facciata è stata da poco restaurata, ndr) Alessandro Plotti conferirà il ministero di lettorato a Simone Giachetti (proveniente da Pontasserchio), Nello Montella (di San Pietro in Palazzi), Giorgio Redini (di Uliveto), Giancarlo Russo (di Lorenzana - Orciano) e Moreno Volpi (di Orzignano). E quello dello dell'accolitato a Antonino Baglione (Carmine, Pisa), Romano Casarosa (San Biagio, Pisa), Franco Lari (Buti), Luciano Lencioni (Duomo di Pontedera), Giovanni Mattii (Buti), Gianluca Panicucci (Duomo di Pontedera) e Paolo Quattrone (San Michele in Borgo, Pisa). Alcuni di questi fanno parte della comunità diaconale, altri no.
 
Lettori ed accoliti in numeri
Il lettore ha il compito di proclamare la Parola, e per far questo è chiamato a studiarla e amarla, e a ben curare la dizione. Di più: a seguire gli altri che, pur non avendo ricevuto il ministero, si rendono disponibili per leggere le letture domenicali.
L'accolito, invece, accompagna il sacerdote nella liturgia, cura il servizio alla mensa, è ministro straordinario dell'Eucarestia.
Lettorato ed accolitato hanno sostituito e riunito i ministeri di un tempo, l'ostiariato, il lettorato, l'esorcistato e l'accolitato.
 
Il servizio dei diaconi
Il conferimento - venerdì prossimo - di questi due ministeri è uno dei segni più evidenti di una Chiesa tutta ministeriale. L'altro è sicuramente l'aumento del numero dei diaconi - a fronte del calo fisiologico registrato nelle vocazioni al sacerdozio.
Sono 20 i diaconi nella nostra diocesi. C'è chi, come Valentino Buchignani è fedele segretario dell'arcivescovo, economo del seminario e dell'Oasi del Sacro Cuore a Calci; o chi, come Alvaro Lenzi è sacrista del Duomo di Pisa. Sono impegnati soprattutto nelle cappellanie ospedaliere a fianco degli ammalati Enrico Marcucci , Gianfranco Chelotti , Giovanni Brignoli  e Filippo Sassetti. Nelle Caritas diocesana o parrocchiale Salvatore Fiorini  e Mauro Banti. O nelle carceri, come Lucio Manco. Tutti si mettono al servizio di uno o più parroci: in particolare Giuseppe Mancini presta servizio nelle parrocchie delle Colline, Giovanni Sbrana a Gello di San Giuliano Terme, Luca Zucchi a Vittoria Apuana, Marco Tomei e Luigi Moscardini nell'unità pastorale di Barga, e Luciano Grassi  nelle parrocchie dell'Alta Versilia. Alfredo Parisio a Cascina. Coltivando, magari, un particolare ambito, come Lucio Grassi, che collabora con il gruppo biblico o Francesco Polese, che si occupa della preparazione dei fidanzati al matrimonio nel vicariato di Cascina, oltre a prestare il suo servizio nella casa di riposo «Remaggi» e occuparsi della formazione culturale degli aspiranti diaconi. Altri, come Augusto Borghi a Pugnano, hanno una responsabilità più diretta della comunità. E c'è anche chi, come Francesco Masi e sua moglie Lucia, hanno assunto da poco la co-responsabilità insieme a don Luca Volpi dell'ufficio diocesano di pastorale familiare (ne parleremo in un prossimo numero).
Della comunità dei diaconi fanno parte anche Alfredo Parisio e Alessandro Montalto: il primo, per ragioni di lavoro, si trova in Svizzera, il secondo a Trapani: entrambi hanno preso contatto con le comunità diaconali del luogo e danno un valido contributo ai parroci di quelle comunità.
 
La preparazione
Storie, origini, esperienze ecclesiali diverse. In comune i diaconi del nostro territorio hanno un diploma conseguito alla scuola di formazione teologica, un anno di discernimento - seguiti da don Piero Dini - e la frequentazione della «scuola diaconale» tutti i martedì a Titignano, il quartier generale dei diaconi (il parroco di quella comunità è infatti il delegato arcivescovile per il diaconato permanente don Romeo Vio, ndr). E dove gli aspiranti diaconi crescono nel confronto con l'equipe degli insegnanti e con lo stesso arcivescovo che, una volta al mese, si ferma con diaconi ed aspiranti e le loro famiglie. Corroborando quel clima di fraternità che tanto sarà loro utile nel servizio che saranno chiamati a svolgere in diocesi.
 
Il convegno regionale a Pitigliano
I diaconi pisani parteciperanno, sabato 13 ottobre, al convegno regionale a Pitigliano. A tema: la maturità affettiva del diacono.
Anche nella comunità diaconale di Pisa è cresciuta- osserva don Romeo Vio (nella foto)- il «peso» delle donne. Del resto «la vocazione diaconale di un uomo sposato deve, prima ancora del periodo di discernimento, misurarsi sulla coppia: per due che, sacramentalmente, sono 'una sola carne”, non si può pensare di poter tenere per sé un evento di così grande portata, un vento che spalanca nuove porte e trascina via vecchie sicurezze. Comincia da subito il misurarsi con un nuovo rapporto d'amore del proprio sposo per Cristo e per la sua Chiesa. Non può essere vissuta questa esperienza, seppure intimissima e speciale, come qualcosa che separa, anzi, la sposa può e deve poter trovare una più intima unione a Cristo nel proprio matrimonio. Se la trinità è il modello della coppia unita in Cristo, tanto più questo è vero per il diacono e sua moglie. Sì, la vocazione di un uomo sposato rinvigorisce la vocazione al matrimonio».

DIACONI, COMUNITA' IN CRESCITAdi Andrea Bernardini
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento