Prato
stampa

Lo «sportello lavoro» in parrocchia

Cinque «presìdi» in altrettante parrocchie del territorio per ascoltare ragazze e ragazzi, la loro fame di sogni e la loro voglia di futuro. Con l’Anno dei giovani - indetto dal vescovo Agostinelli per il 2017 - il Progetto Policoro, a Prato da circa cinque anni, lancia nuove idee e nuovi progetti per aiutare i ragazzi del territorio a ripensare al tema del lavoro alla luce delle proprie aspirazioni. 

Lo «sportello lavoro» in parrocchia

«Obiettivo del progetto - spiega Elia Frosini, animatore di Comunità di Policoro per la diocesi di Prato - è quello di "riconnettere" le giovani generazioni al lavoro, alla luce della dignità dell’uomo e dell’insegnamento del Vangelo. Precariato, insicurezza e disoccupazione purtroppo sono spesso le parole-chiave che si celano dietro le esperienze professionali dei ventenni e dei trentenni: attraverso il progetto Policoro vogliamo offrire un punto di vista diverso, convincendo i ragazzi che si affacciano al nostro centro servizi che esiste anche per loro un futuro professionale, e che può essere quello che sognano». Proprio per incontrare sempre più giovani, oltre al centro servizi in viale Piave 18, presso l’oratorio di Sant’Anna, tra gli obiettivi di quest’anno - come detto - c’è quello di creare altri cinque «sportelli» presso altrettante parrocchie di Prato - magari in vicariati diversi - in cui incontrare, fare orientamento, intraprendere attività.

«Faccio un appello a tutti i sacerdoti interessati: crediamo che questa sia un’opportunità per incontrare moltissimi giovani - continua Elia - e aiutarli a costruirsi una possibilità dopo la scuola superiore. Nello specifico, facciamo orientamento universitario e professionale, seguiamo nella scrittura di curriculum, organizziamo attività nelle scuole superiori e seguiamo chi ce lo chiede nella costituzione di piccole realtà imprenditoriali e cooperative». Anche grazie a questi nuovi «presìdi» si potrà sviluppare questo variegato mix di iniziative, con un denominatore comune: accompagnare i giovani verso il lavoro, rispettando le loro aspirazioni, passioni e capacità.

«Il progetto, sostenuto dalla Cei, è diffuso in molte diocesi d’Italia - conclude Frosini - e continua ad esistere a Prato grazie al nostro vescovo Franco, che ci crede fortemente e ha deciso di rinnovarlo. Un grande ringraziamento anche a Michele Del Campo, direttore dell’ufficio di Pastorale sociale e tutor di Policoro; a Idalia Venco, direttrice della Caritas e a don Alessio Santini della Pastorale giovanile: sono questi i tre Uffici che reggono il progetto e collaborano nelle attività, per cercare di venire sempre più incontro ai giovani».

Fonte: Tog
Lo «sportello lavoro» in parrocchia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento