Prato
stampa

Ricostruiamo la sede degli scout di Camerino distrutta dal terremoto

Il reparto femminile del gruppo Agesci Prato 4 ha deciso di impegnarsi a favore degli scout della città marchigiana duramente colpita dal sisma del 2016. Attraverso iniziative di autofinanziamento le ragazze pratesi hanno raggiunto una discreta cifra che consegneranno agli amici di Camerino domenica 28 gennaio. In quella occasione ascolteranno alcune testimonianze e visiteranno la cosiddetta «zona rossa»

Ricostruiamo la sede degli scout di Camerino distrutta dal terremoto

Scout pratesi a sostegno di quelli di Camerino duramente colpiti dal terremoto. Le ragazze del gruppo Agesci Prato 4 della parrocchia di Santa Maria delle Carceri hanno promosso iniziative benefiche per raccogliere soldi da destinare agli amici col fazzolettone del paese marchigiano che ha subito gravissimi danni dopo gli eventi sismici del 2016. Anche la sede del gruppo scout locale è rimasta lesionata e attualmente è inagibile. Per ristrutturarla servono molti soldi e così le guide - questo il nome scout delle ragazze adolescenti - del Reparto femminile Nuovo Orizzonte hanno deciso di rimboccarsi le maniche e darsi da fare per finanziare parte della ricostruzione.

Nel mese di dicembre è stata organizzata una cena - preparata con i prodotti tipi marchigiani acquistati da produttori locali - e poi sono state vendute delle torte. Iniziative semplici, coinvolgenti e anche remunerative, che hanno permesso alle scout del Prato 4 di mettere insieme 1700 euro. «Una cifra che consegneremo personalmente agli amici di Camerino - racconta Caterina Nistri, una delle responsabili del Reparto Nuovo Orizzonte -, li andremo a trovare domenica 28 gennaio. Ci accompagneranno dentro la "zona rossa" per farci vedere com’è oggi la situazione. Con noi ci sarà anche un assessore comunale, tutto ovviamente avverrà in sicurezza». Non mancheranno le testimonianze dei coetanei scout di Camerino che hanno vissuto sulla loro pelle il dramma del terremoto e il dispiacere di aver dovuto lasciare le proprie case.

L’idea di dare una mano agli scout marchigiani è venuta in mente alle ragazze pratesi, rimaste molto colpite dalle immagini delle devastazioni causate dal terremoto viste in televisione, ma non solo, una di loro ha vissuto anche una significativa esperienza personale. «Una delle nostre scout si trovava in un agriturismo ad Arquata del Tronto nel giorno della prima forte scossa, quella del 26 agosto - racconta ancora Caterina - quindi ha vissuto sul posto quella tragedia. Tornata a casa ha pensato di adoperarsi per aiutare i terremotati, ci ha suggerito di fare qualcosa e noi ci siamo messe volentieri in moto», conclude la capo scout.

Fonte: Tog
Ricostruiamo la sede degli scout di Camerino distrutta dal terremoto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento