Appuntamenti
stampa

Al Verdi di Firenze, un cartellone ricco di grandi nomi

Un cartellone ricco di grandi nomi e grandi spettacoli. Così si può descrivere l'offerta del Teatro Verdi di Firenze per la stagione 2008/2009.

Parole chiave: teatro (50)

Un cartellone ricco di grandi nomi e grandi spettacoli. Così si può descrivere l'offerta del Teatro Verdi di Firenze per la stagione 2008/2009.
Ad aprire «le danze» il nuovo spettacolo dell'istrionico artista Arturo Brachetti, intitolato Gran Varietà Brachetti (21-26 ottobre). Uno show ispirato alla tradizione del Varietà, nel quale Brachetti sarà affiancato da 20 artisti internazionali. Uno spettacolo che nasce dalla fantasia di Arturo, ambientato in un garage, nel quale si fondono comicità, recitazione, trasformismo, numeri da circo, danza e magia.

Dal 6 al 9 novembre approda al Verdi il musical Hairspray, nella prima versione al mondo in lingua non inglese firmata da Massimo Romeo Piparo. Uno spettacolo al limite tra cartoon, fiaba e realtà che ci porta indietro nel tempo, facendoci rivivere le atmosfere spensierate degli anni '60. Protagonista Stefano Masciarelli nei panni di una donna, già interpretata nella versione cinematografica da John Travolta.

A seguire, sul palco del Teatro il nuovo musical del compositore Beppe Dati, Robin Hood (18-23 novembre). Protagonista Manuel Frattini, che interpreta un uomo alla ricerca di se stesso. La tradizionale lotta fra buoni e cattivi fa da sfondo ad un musical ricco di emozioni.

Sarà invece al Teatro Sashall, per la prima volta in Italia, lo show di Tomas Kubinek, Lunatico certificato & maestro dell'impossibile (27-30 novembre). Il clown americano, originario della Repubblica Ceca, propone uno spettacolo ricco, nel quale mette in mostra i suoi molteplici talenti di artista completo, passando da mago ad equilibrista, da mimo ad attore.

Nomi importanti dello spettacolo firmano la produzione italiana di Hair (4-7 dicembre): Elisa alla direzione musicale, David Parsons alle coreografie, Giampiero Solari e Luca Tommassini alla regia.

All'insegna del divertimento Il letto ovale (11-14 dicembre) con Maurizio Micheli e Marialaura Baccarini per la regia di Gino Landi. Una commedia brillante che riesce a far ridere nonostante i tempi difficili, senza mai cadere nella volgarità.

Dal 27 dicembre al 4 gennaio Lina Sastri e Luca de Filippo saranno in scena con la commedia sociale Filumena Marturano di Edoardo de Filippo. Una storia che è stata, nel 1946, un momento di riflessione sul problema non ancora risolto dei figli illegittimi.

Alessandro Gassman interpreta e dirige La parola ai giurati (22-25 gennaio), tratto dal dramma televisivo del 1954 di Reginald Rose, che mostra la situazione dei membri della giuria durante i processi.

In scena anche il nuovo musical scritto da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime, Portamitanterose.it (30 gennaio-3 febbraio). Un'analisi del comportamento umano nelle varie generazioni, interpretato, fra gli altri, dai ragazzi di «Amici».

Danza ed allegria sono gli ingredienti di The best of Parsons dance (6-8 febbraio), spettacolo di David Parsons.

Dal 13 al 15 marzo il Teatro Verdi ospita uno dei più grandi successi del musical di sempre: A Chorus line, la rappresentazione del teatro nel teatro e della vita reale di giovani artisti sulla scena.

Chiude la stagione lo spettacolo di e con Enrico Brignano Le parole che non vi ho detto (2-5 aprile), grande successo di pubblico. Brignano sul palco è accompagnato dall'orchestra del Maestro Francesco Capranica e da Simona Samarelli, che canta con lui.

Per informazioni su abbonamenti e biglietti visitare il sito internet www.teatroverdifirenze.it

Francesca Franciolini

Al Verdi di Firenze, un cartellone ricco di grandi nomi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento