Appuntamenti
stampa

Cosa c'è in Toscana (24 dicembre 1° gennaio)

Ecco i principali eventi gastronomici e turistici di questa settimana nelle località della nostra regione.

Parole chiave: sagrre (1), mercati (241), rassegne (230), fiere (236), mostre (247)
Cosa c'è in Toscana (24 dicembre 1° gennaio)

Festa del Fusigno
Il 24 dicembre a Londa (FI) si terrà come da tradizione la Festa del Fusigno. Una festa dagli orari particolarissimi che inizia alla mezzanotte della notte della vigilia di Natale. All’uscita dalla messa, in piazza della Repubblica sarà acceso un grande falò dove saranno arrostiti innumerevoli bardicci. Il bardiccio è una salsiccia tipica della zona, fatta con parti di seconda scelta di bovini e suini, in particolare del cuore di suini che gli dà uno speciale sapore. Durante la festa, l’insaccato sarà accompagnato dal vino locale. Il termine «fusigno» vuol dire «spuntino».

Fiaccolata di Natale sulla Via Francigena
Sabato 24 dicembre a Monteriggioni (SI) si terrà la Fiaccolata di Natale sulla Via Francigena. La notte della vigilia di Natale si terrà questo percorso notturno che seguirà l’antico tracciato religioso.

Partenza da Monteriggioni alle 21 per poi toccare Valmaggiore e Badia a Isola. Al termine della fiaccolata è previsto un punto di ristoro. Alle 23, infine, ci sarà la messa di Natale celebrata nella Chiesa dei Santi Salvatore e Cirino di Abbadia a Isola.

Catasta di Natale
Il 24 dicembre di ogni anno nella piazza principale di Petricci di Semproniano (GR) si festeggia l’accensione della tradizionale catasta di legna da ardere tra un sorso di vin brulé e un cartoccio di caldarroste.

Natalecci
Una tradizione particolarmente sentita a Gorfigliano di Minucciano (LU) è l’accensione dei «Natalecci», che si ripropone da epoca immemorabile la sera della Vigilia di Natale, il 24 dicembre, appena scende la sera. Dalla durata e dalla resistenza di questi grandi falò, accesi in punti che permettano a tutti i paesi della zona di vederli, si traggono importanti auspici sul nuovo anno e si decide il paese vincitore. La costruzione dei natalecci impegna giovani e meno giovani per giorni: le strutture raggiungono altezze notevoli e la loro stabilità è garantita da un complicato intreccio di legname ricavato dalla pulitura e rimonda del bosco e del sottobosco.

Natale Larigiano
Lunedì 26 dicembre a Lari di Casciana Terme (PI) si terrà l’ultimo appuntamento con il Natale Larigiano. Varie iniziative interamente dedicati alle atmosfere natalizie con mercatini ed eventi legati al periodo.

Focarone
Torna a San Quirico Valleriana di Pescia (PT) il tradizionale Focarone. L’evento avrà luogo venerdì 30 dicembre dalle 19. Come ogni anno i cittadini di questo piccolo borgo della Svizzera Pesciatina si ritrovano in piazza intorno ad un gigantesco falò per stare insieme e salutare così l’anno che sta finendo. Ma non sarà solo socializzazione: si gusteranno anche specialità locali come necci, baccalà e salsicce alla griglia, il tutto condito dal vino locale.

La fiaccolata
Venerdì 30 dicembre a Santa Fiora (GR) dalle 18,30, e per tutta la notte, le vie del borgo si illumineranno alla luce delle carboniere (grandi cataste di legno) e delle fiaccole, mentre il centro storico si riempirà di persone che passeggeranno di frasca in frasca assaggiando i piatti tipici della cucina locale.

Tradizionale accensione della pira
La festa comincia in piazza Busatti a Sorano (GR) alle 16 del 30 dicembre con animazioni, giochi e canti natalizi. Alle 17 la tradizione accensione della pira, seguita alle 19 da una cena nei locali della palestra di piazza del Municipio e alle 21.30 dallo spettacolo pirotecnico.

La Focarazza
La notte del 31 dicembre a Saturnia di Manciano (GR) molte persone brindano all’aperto l’arrivo del nuovo anno intorno alla fiamma scoppiettante della pira accatastata in forma conica, al centro di piazza Vittorio Veneto. La fiamma del falò si alza nel cielo e ricorda una leggenda che narra del Dio Saturno che, adirato con gli uomini per la loro belligeranza, scagliò sulla terra una folgore facendo così zampillare acqua sulfurea. Da quell’acqua calda nacquero uomini più saggi. La folgore cadde esattamente in Maremma, a Saturnia dove l’acqua zampilla ancora con una temperatura di 37° con una portata di 500 litri al secondo.

Calici di San Silvestro
A Suvereto (LI) il 31 dicembre si svolge Calici di San Silvestro. Viene allestito nel borgo un percorso di degustazioni, il cenone di fine anno e assaggi proposti dagli esercenti. In contemporanea anche enogastronomia di qualità, teatro di strada, animazioni per i più piccoli e musica per tutti in attesa dei fuochi d’artificio di mezzanotte.

Fiera Antiquaria
La Fiera Antiquaria di Arezzo si svolge sabato 31 dicembre e domenica 1° gennaio 2017 con oltre 500 espositori. Nata per prima, su territorio nazionale nel 1968, è la più conosciuta e frequentata con una media di ventimila visitatori: collezionisti, antiquari, turisti o semplici curiosi si concedono una passeggiata all’aperto tra le bancarelle esposte nei luoghi più caratteristici del centro storico, avendo a disposizione pezzi di antiquariato tra i più disparati: mobili, libri antichi, dipinti, ceramiche, ferrame artistico, vetrate liberty, antichi strumenti scientifici e professionali, orologi, argenti, gioielli, pizzi e merletti, collezioni di vario genere, oggetti art decò e infine modernariato e oggettistica varia.

Cerreto Ciok
Grande festa del cioccolato in piazza Vittorio Emanuele II a Cerreto Guidi (FI) dal 6 all’8 gennaio dove sarà possibile degustare tutti i tipi di cioccolato nelle più svariate preparazioni. La festa si svolgerà all’interno de «La via dei Presepi di Cerreto Guidi».

Cosa c'è in Toscana (24 dicembre 1° gennaio)
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento