Appuntamenti
stampa

Firenze, «O Flos colende» in Cattedrale

La rassegna fiorentina di musica sacra O flos colende, che l'Opera di Santa Maria del Fiore realizza dal 1997 per volontà della sua Presidente, Anna Mitrano, e per la direzione artistica di Gabriele Giacomelli, è molto più di una rassegna concertistica. Difatti le musiche che vengono eseguite ogni anno sono in gran parte quelle conservate nell'Archivio dell'Opera, il che rende la rassegna un prezioso veicolo di divulgazione di un patrimonio storico.
DI DONATELLA RIGHINI

Parole chiave: classica (83)

di Donatella Righini

La rassegna fiorentina di musica sacra O flos colende, che l'Opera di Santa Maria del Fiore realizza dal 1997 per volontà della sua Presidente, Anna Mitrano, e per la direzione artistica di Gabriele Giacomelli, è molto più di una rassegna concertistica. Difatti le musiche che vengono eseguite ogni anno sono in gran parte quelle conservate nell'Archivio dell'Opera, il che rende la rassegna un prezioso veicolo di divulgazione di un patrimonio storico. Alla ricerca musicologica, poi, si aggiunge sempre la scelta di esecutori di grande qualità, e anche questo lato della rassegna è confermato dal cartellone di quest'anno, apprezzato e sostenuto con molto entusiasmo anche dall'arcivescovo di Firenze monsignor Giuseppe Betori.

Iniziata il 24 marzo con «Musica e poesia per i misteri del Rosario» prosegue lunedì 19 aprile con un concerto che consentirà di apprezzare il grande organo Vincenzo Mascioni del Duomo, fatto rivivere grazie proprio a O flos colende. Esecutore eccellente sarà Wayne Marshall, organista, pianista e direttore d'orchestra di fama mondiale, che affronterà pagine del repertorio tardoromantico, Rossini, Bossi, Widor, Liszt (la virtuosistica e grandiosa Fantasia e Fuga su Ad nos, ad salutarem undam), ma si farà anche ammirare nell'arte dell'improvvisazione.

Nella ricorrenza della festività di S. Zanobi (10 maggio), O flos colende celebra in musica il Santo, uno dei primi vescovi della diocesi di Firenze, con un suggestivo programma articolato in forma di Messa: le sezioni polifoniche dell'Ordinario della messa, composte da alcuni dei principali autori del Trecento fiorentino come Francesco Landini, Lorenzo Masini, Bartolo, Gherardello e Giovanni da Firenze, si alternano a brani in gregoriano espressamente dedicati a S. Zanobi, fra i quali anche l'inno O flos colende; i brani saranno alternati dalla lettura di alcuni passi dalla Leggienda di messere Santo Zanobj vescovo di Firenze, uno dei numerosi testi agiografici dedicati al Santo. A presentare questa celebrazione musicale è l'Ensemble San Felice, gruppo vocale-strumentale guidato dal suo fondatore, Federico Bardazzi. Lo stesso ensemble accompagnerà la Messa in onore di S. Zanobi (Cattedrale, ore 18) presieduta dall'Arcivescovo di Firenze Monsignor Giuseppe Betori.

Il 4 giugno si terrà una vera e propria celebrazione di Luigi Cherubini nel duecentocinquantesimo anniversario dalla nascita (1760-2010) affidata al Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretto da Piero Monti e con la partecipazione di Andrea Secchi all'organo. L'omaggio a questo grande della storia della musica legato al Battistero di Firenze come cantore adolescente, è costituito da due sorprendenti sue pagine giovanili: il Credo a 8 voci in doppio coro e il mottetto Nemo gaudeat, incorniciati da brani di Marco da Gagliano e di Niccolò Jommelli.

Chiusura il 7 settembre con un accattivante florilegio di arie sacre e mottetti del Barocco fiorentino, interpretate dal noto soprano Monica Bacelli, accompagnata all'organo e al clavicembalo da Attilio Cremonesi, e all'arpa Loredana Gintoli.

Tutti i concerti (ore 21,15) sono a ingresso libero. Per informazioni: www.operaduomo.firenze.it

Firenze, «O Flos colende» in Cattedrale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento