Campanile rock
stampa

Campanile rock... alla fine vince il folk

Alla fine il folk ha sbancato Campanile Rock. Le Nuove Trasparenze si sono aggiudicate la terza edizione del contest dedicato alle band emergenti nate in ambito parrocchiale e associativo. Il ritmo e le atmosfere melodiche dal taglio popolare del numeroso gruppo di Mercatale Val di Pesa hanno incantato la giuria, che ha assegnato loro il primo premio: la possibilità di registrare un disco live prodotto dalla casa discografica Multi Promo di Firenze. Online anche i VIDEO di Tv Prato

Percorsi: Campanile rock
Parole chiave: musica (139), giovani (504)

Alla fine il folk ha sbancato Campanile Rock. Le Nuove Trasparenze (

" target="_blank">video ) si sono aggiudicate la terza edizione del contest dedicato alle band emergenti nate in ambito parrocchiale e associativo. Il ritmo e le atmosfere melodiche dal taglio popolare del numeroso gruppo di Mercatale Val di Pesa hanno incantato la giuria, che ha assegnato loro il primo premio: la possibilità di registrare un disco live prodotto dalla casa discografica Multi Promo di Firenze.

Dopo sette serate e con ventidue band in gara ai nastri di partenza, sabato 5 giugno, allo stadio comunale delle Due Strade di Firenze, cornice quanto mai adatta per un concerto rok, è andata in scena la finalissima del concorso promosso da Toscana Oggi, Radio Toscana, Gruppo Donatori di sangue della Fratres, gli scout dell'Agesci e con il contributo di Toscana Impegno Comune. Conduttore della serata lo speaker di Radio Toscana Alessandro Masti, accompagnato dai due presentatori «storici» della manifestazione, Francesco Bettarini e Giacomo Cocchi. Una serata che ha richiamato una buona partecipazione di pubblico che, dagli spalti, ha ascoltato i sei gruppi finalisti.

Per primi si sono esibiti i Leggera (

" target="_blank">video ), ensamble proveniente dal Monte Amiata che proprio dalla loro terra d'origine traggono ispirazione e musiche. Vestito con costumi della tradizione, il gruppo guidato dal chitarrista Gianmarco Nucciotti, già al fianco del cantautore Simone Cristicchi e vincitore del premio come miglior chitarrista, ha proposto antichi canti popolari arrangiati in chiave moderna. Da Grosseto, con un pullman di fan al seguito, i Custos (