Campanile rock
stampa

Campanile rock, completati i finalisti

Giochi fatti per la finale di Campanile Rock: la semifinale di Montepulciano, venerdì scorso, ha promosso gli Eclettica di Livorno, i Jatofena di Ambra (Arezzo) e i Road Line di Saragiolo. Insieme a loro, a contendersi la vittoria del concorso per band parrocchiali promosso da Toscanaoggi, da Radio Toscana e dai donatori di sangue Fratres, ci saranno i vincitori della prima semifinale: Targaprova di Massa, Putiferio di Impruneta e Nuove Trasparenze di Mercatale Val di Pesa.

Percorsi: Campanile rock
Parole chiave: campanile rock 2008 (36)

Giochi fatti per la finale di Campanile Rock: la semifinale di Montepulciano, venerdì scorso, ha promosso gli Eclettica di Livorno, i Jatofena di Ambra (Arezzo) e i Road Line di Saragiolo. Insieme a loro, a contendersi la vittoria del concorso per band parrocchiali promosso da Toscanaoggi, da Radio Toscana e dai donatori di sangue Fratres, ci saranno i vincitori della prima semifinale: Targaprova di Massa, Putiferio di Impruneta e Nuove Trasparenze di Mercatale Val di Pesa.

La serata di Montepulciano si è svolta nella cripta del Gesù, in pieno centro del paese che domina la Val di Chiana. La giuria (il presidente di Torrita Blues Luca Romani, la musicista e direttrice di coro Giuliana Lucani e Matteo Della Ciana, leader dei Palais de Tokio, il gruppo vincitore della prima edizione di Campanile Rock) ha voluto premiare l'ottima qualità degli Eclettica, la band nata nell'oratorio salesiano di Livorno (già finalista della prima edizione di Campanile rock) che tiene il palco con grande sicurezza; la musica “progressive” dei Jatofena, molto bravi tecnicamente e ben amalgamati; la grande energia trasmessa dai Road Line.

Qualche delusione, come sempre, per gli esclusi. Gli Slipped out di Saragiolo (un paese alle pendici del Monte Amiata) si sono comunque fatti apprezzare: giovanissimi (dai 14 ai 16 anni), per loro la partecipazione a questo concorso è stata comunque una bella esperienza. I Francois Pignon hanno avuto dalla giuria una menzione speciale per la qualità dei musicisti. Un discorso a parte meritano i Buen Camino. Arrivati “in forze” dalla parrocchia dell'Addolorata di Grosseto, accompagnati dal viceparroco, hanno portato alla seconda edizione di Campanile Rock un messaggio molto bello: le loro canzoni, ispirate al cammino di Santiago, trasmettono gioia e speranza.

Purtroppo la formula del concorso non permetterà a questi tre gruppi di esibirsi sul palco dell'Acqua Village, sabato 14 giugno. Da parte degli organizzatori del concorso, comunque, c'è la soddisfazione di aver potuto incontrare, nell'arco delle sei serate che si sono già svolte, realtà molto belle, ragazzi che suonano con passione ed entusiasmo. Gruppi che hanno avuto grazie a Campanile Rock la possibilità di suonare insieme, di conoscersi: in diversi si sono scambiati nomi e indirizzi per invitarsi vicendevolmente a suonare nelle rispettive parrocchie. Per la finale, purtroppo, solo sei di loro potranno suonare: tutti comunque saranno ricordati e ringraziati. E tutti sono invitati: l'ingresso per la serata, alle 21, è gratuito mentre chi volesse il buono per accedere, fin dalla mattina, alle piscine e ai giochi d'acqua a prezzo scontato può richederlo a campanilerock@toscanaoggi.it

Campanile rock, completati i finalisti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento