Eizenstein. La rivoluzione delle immagini

stampa

Sergej Ejzenštejn durante la sua vita non ha mai potuto visitare gli Uffizi. È in occasione dell’anniversario dei cento anni dalla rivoluzione socialista che le Gallerie degli Uffizi lo celebrano con la mostra “Ejzenštejn. La rivoluzione delle immagini”, la prima dedicata alla settima arte ad essere ospitata nell’importante istituzione museale.

La mostra, curata da Marzia Faietti, Pierluca Nardoni, Eike D. Schmidt, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con le Gallerie degli Uffizi, la Fondazione Cineteca di Bologna, l’Archivio Statale di Letteratura e Arte di Mosca il Museo Statale delle Belle Arti «A.S. Puškin» e Firenze Musei.

Il percorso nelle Sale di Levante delle Gallerie delle Statue e Pitture degli Uffizi unisce l’attività di disegnatore a quella di cineasta attraverso il filo conduttore dell’arte italiana del tardo Medioevo e del Rinascimento. I settantadue disegni, provenienti dall’Archivio statale di Letteratura e arte di Mosca, realizzati tra i primi anni Trenta e il 1948, considerati dal regista una sorta di trascrizione automatica dei pensieri in dialogo con i film, senza alcuna subordinazione, sono da  considerarsi opere autonome e contraddistinti da uno stile che rimanda al Tre Quattrocento e appartiene al clima artistico del periodo tra echi surrealisti e deformazioni neo espressioniste.

La mostra è anche un osservatorio privilegiato sul concetto ejzenštejniano di montaggio, in primo luogo per l’attitudine della figurazione a smembrarsi e ricomporsi secondo «montaggi» che aprono a significati sempre nuovi, ma soprattutto per il valore di una grafica che va apprezzata nel suo dispiegarsi in sequenze, secondo strisce da definirsi davvero «cinematiche» che  sono disposte in serie ravvicinate come ideali fotogrammi e dialogano con i film del grande regista, i quali scorrono sulle ampie pareti di alcune stanze delle Sale di Levante della Galleria delle Statue e delle Pitture.

Sebastiana Gangemi

SEDE: Sale di Levante, Gallerie delle Statue e delle Pitture degli Uffizi

ORARIO: martedì – domenica ore  8.15 - 18.50; la biglietteria chiude alle 18.05. Chiuso il lunedì

INGRESSO: biglietto intero € 12.50; ridotto € 6.25 per i cittadini dell’U.E. tra i 18 e  i 25 anni; gratuito riservato a minori di 18 anni di qualsiasi nazionalità, portatori di handicap ed un accompagnatore, giornalisti, docenti e studenti di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della formazione, Diploma di Laurea di lettere e filosofia con indirizzi di laurea archeologico o storico-artistico, Diploma di Laurea o corsi corrispondenti negli Stati membri dell’Unione Europea, insegnanti italiani con contratto a tempo determinato e indeterminato in servizio presso una scuola pubblica o paritaria del Paese.

CATALOGO: Giunti con testi di Marzia Faietti, Perluca Nardoni, Eike D. Schmidt

INFO: Firenze Musei 055.294883

e-mail firenzemusei@operalaboratori.com

www.uffizi.it