Il filo della memoria: omaggio a Giovanni Dupré

stampa

Giusto trenta anni fa Sorano ospitava nell’allora sede della Biblioteca Comunale nella Fortezza Orsini, dove oggi si trova il Museo del Medioevo, una mostra di sculture di Giovanni Duprè e di quadri con ritratti suoi e di suoi familiari. Quell’iniziativa fu possibile grazie alla generosa disponibilità di Paolo Ciardi Duprè al quale si deve, assieme a Raffaella Marcucci, la pubblicazione di un inedito, il taccuino di viaggio di Giovanni Duprè a Roma e a Napoli dove era andato per visitare gli studi di artisti dell’epoca.

Paolo Ciardi Duprè, per inciso, era profondamente legato al suo avo e ne ha coltivato la memoria per tutta la vita.

Giovanni Duprè torna a Sorano nel duecentesimo della nascita che vede Siena, la città natale, e la Contrada Capitana dell’Onda, alla quale apparteneva, rendergli omaggio con diverse e importanti iniziative. A lui era dedicato il drappellone del Palio di agosto vinto, per una singolare coincidenza, proprio dalla Contrada Capitana dell’Onda.

Torna nel Mastio della Fortezza Orsini fino al 5 novembre con la mostra intitolata «Il filo della memoria: omaggio a Giovanni Duprè». E questo grazie all’altrettanto generosa disponibilità di alcuni dei suoi discendenti, fra i quali Elisabetta Ciardi Duprè, figlia di Paolo, che hanno messo a disposizione disegni, quadri e piccole sculture provenienti dalle loro raccolte, consentendo così a un piccolo Comune come il nostro di rendere omaggio ad un grande artista, certamente fra gli esponenti di maggior spicco della scultura del XIX secolo.

Ecco spiegato il perché di questa mostra con la quale Giovanni Duprè torna per la seconda volta nella Fortezza Orsini e Sorano sottolinea i suoi storici legami anche con Siena e la sua attenzione, non da oggi, alla cultura e all’arte.

Pierandrea Vanni
Vicesindaco e assessore alla Cultura

SEDE: Mastio della Fortezza Orsini - Sorano (Gr)

ORARIO: 10-13 e 15-18

INGRESSO: gratuito

INFO: www.comune.sorano.gr.it