La principessa saggia. L'eredità di Anna Maria Luisa de' Medici, Elettrice Palatina

stampa

Anna Maria Luisa, (1667-1743), figlia del granduca Cosimo III e di Marguérite-Louise d'Orléans, e sorella di Gian Gastone, fu l'ultima rappresentante della dinastia dei Medici. Nel 1691 sposò l'Elettore Palatino Johann Wilhelm von der Pfalz-Neuburg, acquisendo il titolo di Elettrice Palatina. Rimasta vedova nel 1716, tornò l'anno seguente a Firenze, dove visse sino alla morte (18 febbraio 1743).

 

Il motivo principale per il quale Firenze, e tutto il mondo, devono rendere omaggio a questa donna, risiede in un suo atto di profonda saggezza e preveggenza, l'aver firmato, il 31 ottobre 1737, con il nuovo granduca di Toscana Francesco Stefano di Lorena, una convenzione, nota come Patto di famiglia, nella quale – all'articolo terzo – è prescritto il vincolo perpetuo alla città di Firenze dell'immenso patrimonio artistico e culturale raccolto dai Medici nell'arco della lunga storia di governo della dinastia sulla Toscana.

La mostra vuole però ampliare il punto di vista su questa figura di donna ricostruendone una immagine diversa e più brillante, legata all'amore per l'arte anche attraverso le opere che lei stessa collezionò o commissionò agli artisti del tempo, e sottraendola a quella visione più tradizionale, che ce la restituisce altera, un po'arcigna, distaccata dal mondo e profondamente religiosa, secondo un modello che solo in minima parte corrisponde alla sua personalità.

Grazie alla generosa collaborazione dei musei del Polo Museale Fiorentino, moderni eredi dell'Elettrice (primi fra tutti la Galleria Palatina, il Museo degli Argenti e la Galleria degli Uffizi), ma anche di numerose altre istituzioni museali italiane e straniere, che hanno concesso prestiti di grande rilevanza, sono esposte oltre duecento opere d'arte ed oggetti che non provengono solo dalle collezioni di Anna Maria Luisa de' Medici, ma anche da quelle del padre granduca Cosimo III, dal fratello Ferdinando e dal marito Johann Wilhem von Pfalz-Neuburg, uno dei maggiori collezionisti europei di pittura, grandissimo mecenate ed amante dell'arte italiana, fiamminga ed olandese.

Nel nome di Anna Maria Luisa de'Medici la mostra si snoda lungo un percorso artistico che è anche biografico, dal Barocco sontuosamente prezioso della corte degli ultimi Medici, ad un Rococò lieve e arioso che trovò accoglienza alla corte elettorale di Düsseldorf, per riapprodare alla pittura e alla scultura fiorentina del primo Settecento, con le opere commissionate dall'Elettrice al suo ritorno a Firenze.

Sede: Galleria Palatina - Palazzo Pitti - Piazza Pitti - Firenze

Orario: martedì-domenica 8.15-18.50

Ingresso:: intero € 11.50; ridotto € 5.75 (comprende ingresso alla Galleria Palatina ed alla Galleria d'arte moderna)

Informazioni: 055 2654321, 055 2654321 (biglietteria).