Periplo. Un viaggio tra le opere e i documenti dell’Archivio Luciano Caruso

stampa

«Tutta la poesia dell'Occidente nasce da un viaggio, in cui messaggi d'ombra s'intrecciano al tema del ritorno e della fine». Così scriveva Luciano Caruso, artista napoletano che visse nella sua città natale fino al 1976, per trasferirsi poi a Firenze dove morirà nel 2002. A questo poeta e artista è dedicata la mostra Periplo: un viaggio tra le opere e i documenti dell'Archivio Luciano Caruso, allestita nei locali della Cassa di Risparmio di Firenze, in via Bufalini, che si aprirà il prossimo 5 aprile e rimarrà aperta fino al 14 luglio.

La mostra curata dall'Archivio Luciano Caruso con la collaborazione di Alessandra Acocella, Barbara Cinelli, Sonia Puccetti Caruso e Giorgio Zanchetti, presenta una trentina di opere, tra lavori polimaterici e libri d'artista, che documentano e visualizzano, attraverso un viaggio à rebours, l'intenso percorso intellettuale e artistico di Luciano Caruso: dall'ultimo libro-opera Periplo, realizzato a Firenze nel 2002, sino a risalire alla serie Atlante (1966-1967) legata agli esordi verbovisuali dell'artista a Napoli.

L'esposizione di questo nucleo selezionato di opere è introdotta da un'ampia scelta di materiali d'archivio strettamente legati alla complessa e multiforme attività di Caruso e del gruppo di Continuum. Libri, lettere, fotografie e riviste documentano così inedite relazioni intessute tra intellettuali e artisti italiani e internazionali durante la seconda metà del Novecento.

Lungo tutto l'itinerario napoletano (1963-1976) e poi fiorentino (1976-2002) di Caruso, la creazione di opere polimateriche è intrecciata, in modo inseparabile, all'attività di saggista, filosofo, critico, studioso del Futurismo, creatore di riviste d'avanguardia in campo letterario e teorico, promotore di eventi culturali e - non ultimo - ideatore, alla metà degli anni Ottanta, dell'importante collezione di libri d'artista per la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

Oltre a questo evento, che è uno dei più importanti, l'Archivio Caruso ha in programma nel corso del 2019, altri appuntamenti, in collaborazione con il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci e al Museo del ‘900 due importanti realtà con le quali verrà realizzato un convegno e una mostra dedicate a Caruso e ai materiali conservati nell'Archivio. A questo si affiancherà la creazione di un nuovo sito web e di un programma per navigare e ricercare on line i materiali dell'Archivio.

SEDE: Spazio Mostre Fondazione CR Firenze - Via Bufalini 6, 50122 Firenze

ORARIO: dal giovedì alla domenica, ore 10-13 e 14-18. Visite guidate gratuite fino ad esaurimento dei posti disponibili ogni sabato alle ore 15.00 e tutti i giorni per gruppi e scuole solo su prenotazione.

INGRESSO: libero

INFO: +39 055 5384 997/001 spaziomostre@fcrf.it www.fondazionecrfirenze.it/mostra-periplo-luciano-caruso/

Media