Via Francigena
stampa

Il corso ospitalieri di Altopascio

Nel fine settimana dal 13 al 15 aprile si è tenuto ad Altopascio, sotto la direzione delle «Asociaciones de Amigos del Camino de Santiago», un corso per 25 ospitalieri ai quali si sono aggiunti 7 uditori. L'amministrazione civica di Altopascio, in memoria dell'antica assistenza ed ospitalità data ai pellegrini medioevali dai Frati Ospitalieri del Tau, li ha accolti con calore ed entusiasmo e si è ripromessa di darsi disponibile ad ospitare futuri corsi nei prossimi anni.

Parole chiave: francigena (150), pellegrinaggi (150)

Nel fine settimana dal 13 al 15 aprile si è tenuto ad Altopascio, sotto la direzione delle «Asociaciones de Amigos del Camino de Santiago», un corso per 25 ospitalieri ai quali si sono aggiunti 7 uditori. L'amministrazione civica di Altopascio, in memoria dell'antica assistenza ed ospitalità data ai pellegrini medioevali dai Frati Ospitalieri del Tau, li ha accolti con calore ed entusiasmo e si è ripromessa di darsi disponibile ad ospitare futuri corsi nei prossimi anni.
Questa ormai famosa federazione di associazioni spagnola, che vanta aderenti in ogni parte del mondo, ha come scopo quello di fornire ospitalieri volontari disposti a dare gratuitamente la loro opera in strutture di ospitalità non a pagamento (è prevista solo un'offerta, peraltro non sollecitata). Tale attività si svolge principalmente nei numerosi Caminos de Santiago, ove gli ospitalieri possono svolgere appieno, in strutture religiose e non, la loro opera di assistenza, cura e disponibilità a tutti i pellegrini, senza distinzione di razza, religione o provenienza, prodigandosi a favore di tutti i pellegrini che si presentano nello spirito che fu proprio di nostro Signore, dando accoglienza, assistenza e informazioni, preparando loro pure i pasti e svolgendo anche i lavori più umili, come le pulizie.
Hanno aderito al corso per ospitalieri pure cinque rappresentanti dell'associazione «I Pellegrini della Francigena» che hanno la loro sede ad Altopascio, i quali si sono dichiarati disposti ad effettuare la propria opera per un impiego rivolto in modo particolare a strutture di ospitalità disposte lungo la Francigena. Nonostante la sua non giovane età di 75 anni, faceva parte del gruppo anche Renzo Malanca, presidente dell'associazione altopascese, che ha riconosciuto l'alto valore morale rappresentato dall'accoglienza del pellegrino e del servizio prestato al prossimo, ringraziando l'amministrazione civica di Altopascio che ha concesso a «I Pellegrini della Francigena» la gestione dell'ospitalità nei giorni prefestivi e festivi e nell'intero mese del prossimo agosto, mentre negli altri giorni il servizio di accoglienza ad Altopascio è svolto dal personale della Biblioteca Comunale. Il momento più sentito e commovente è stata la benedizione dei neo ospitalieri nella chiesa di Altopascio davanti alla comunità parrocchiale ed, a fine del corso, la consegna a ciascuno del simbolo di ospitalieri volontari, la cui immagine è riportata a fianco.

Il corso ospitalieri di Altopascio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento