Via Francigena
stampa

Il moderno valore educativo del pellegrinaggio

L'esperienza del pellegrinaggio a piedi è un fenomeno di rilievo del nostro tempo, basti pensare alle circa 200 mila presenze annuali negli «albergues» lungo il cammino di Santiago de Compostela, ai pellegrini che a piedi raggiungono santuari tradizionali, ai giovani della Gmg, ai giovani dell'annuale pellegrinaggio di fiducia sulla terra promosso dalla comunità di Taizé, ecc. Perché questo fenomeno?
DI DOMENICO POETA

Parole chiave: francigena (150), pellegrinaggi (150)

di don Domenico Poeta
presidente dell'ALP

L'esperienza del pellegrinaggio a piedi è un fenomeno di rilievo del nostro tempo, basti pensare alle circa 200 mila presenze annuali negli «albergues» lungo il cammino di Santiago de Compostela, ai pellegrini che a piedi raggiungono santuari tradizionali, ai giovani della Gmg, ai giovani dell'annuale pellegrinaggio di fiducia sulla terra promosso dalla comunità di Taizé, ecc.

Perché questo fenomeno?

Molti di quelli che si mettono in cammino cercano se stessi, talvolta in seguito a delle crisi esistenziali. Altri vogliono semplicemente prendere le distanze da un ritmo di vita frenetico, altri ancora sono incuriositi dalla bellezza dell'esperienza, dall'arte o dalla santità lungo le antiche vie di pellegrinaggio.

In ogni caso si tratta di una ricerca immateriale; possiamo dire anche spirituale?

Certamente oggi c'è una forte preoccupazione per l'aridità delle relazioni, sia di tipo religioso che umano. Soprattutto in rapporto alle giovani generazioni, in altre parole, c'è una domanda spirituale; il nostro compito ecclesiale, credo, è quello di fornire delle risposte di qualità, non cose fatte tanto per fare.

Farei un esempio: proprio in questi giorni ho visitato il sito internet del MoMA, il museo di arte moderna di New York. Il sito propone almeno una quindicina di percorsi conoscitivi assai ben articolati che vanno dal design all'architettura moderna, passando per la grafica pubblicitaria e per la pop art.

Spontaneamente si è agitata una domanda: ma se il mondo laico sa realizzare delle iniziative così lodevoli per perseguire i propri scopi istituzionali o, talvolta, per business, perché noi che lo facciamo per il Signore non dovremmo offrire dei percorsi di conoscenza e di esperienza di qualità?

Nell'associazione Ad Limina Petri (ALP) lavoriamo per promuovere l'identità ecclesiale del pellegrinaggio lungo le antiche vie per Roma. I numeri sono in lento ma costante aumento e vorremmo che lo fosse anche la qualità dell'esperienza.

Come?

È indispensabile essere uniti nell'essenziale favorendo una pastorale integrata che unisca l'opera evangelica dell'accoglienza dei pellegrini ad esperienze di pastorale. Per la pastorale giovanile abbiamo ipotizzato dei campi scuola itineranti in cui sia possibile fare un cammino a piedi ma anche un cammino di preghiera e di direzione spirituale.

Lo stesso vale per i movimenti che già hanno avviato esperienze simili.

Molte famiglie scelgono di vivere l'esperienza del pellegrinaggio a piedi.

Se possiamo leggere i pellegrinaggi a piedi come un fenomeno della contemporaneità, allora è necessario investire risorse ecclesiali lungo le antiche vie; sacerdoti, religiosi, confraternite, movimenti, associazioni ecclesiali, tutti possono contribuire alla riscoperta di un archetipo religioso di cui non possiamo proprio fare a meno.

La memoria del Beato Giovanni Paolo II, pellegrino del nostro tempo, ci guidi con fiducia e rinnovato impegno su questa via.

Il moderno valore educativo del pellegrinaggio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento