Via Francigena
stampa

Pellegrini a Santiago, il diario online di Nicola e Loris

Nicola Pini, «pellegrino del mondo», prosegue con grande impegno assieme all'amico Loris il proprio cammino verso Santiago sulla Via della Plata, iniziato da Siviglia il 26 aprile. Quasi quotidianamente giungono in redazione le sue e-mail: ne pubblichiamo qui volentieri qualche stralcio di due giornate perché si tratta di testimonianze che vale davvero la pena leggere.

Parole chiave: francigena (150), pellegrinaggi (150), compostela (28)

Nicola Pini, «pellegrino del mondo», prosegue con grande impegno assieme all'amico Loris il proprio cammino verso Santiago sulla Via della Plata, iniziato da Siviglia il 26 aprile. Quasi quotidianamente giungono in redazione le sue e-mail: ne pubblichiamo qui volentieri qualche stralcio di due giornate perché si tratta di testimonianze che vale davvero la pena leggere.

27 aprile
Carissimi, come è strana molte volte la Provvidenza (anche se in questo caso tecnologica). Non c'è internet in questo paese e l'unica postazione è in biblioteca che è chiusa. Ho chiesto in Comune (...) e adesso sto scrivendo dalla scrivania del Sindaco dal suo computer!!! (...)

Tante vostre mail, tanti messaggi. Siamo felici con Loris di tutto questo. Condividiamo i vostri pensieri e siete nei nostri cuori. (...) Si sono aggiunti altri amici alla lista dei contatti ai quali sto inviando queste mail. Benvenuti! E so che altre scatoline sono nelle case o negli uffici di altri amici che contribuiranno così alla raccolta per l'asilo di Pugu in Tanzania. E tutte le volte che prendo in mano il libretto della Preghiera delle Ore ho la foto di Padre Luciano che segue il giorno della settimana e la relativa preghiera. È un tuffo al cuore ogni volta ma Luciano lo vedo in tantissime altre immagini via via che metto un passo davanti all'altro su sentieri, strade, viottole; ogni volta che guardo una cicogna che vola verso il suo nido, che vedo i fiori gialli di ginestra che fiancheggiano molte volte il nostro cammino.

È un tuffo al cuore ma una grande gioia perché, come ci diceva Padre Flavio prima di partire da Firenze, «Luciano non è all'Isola del Giglio, ma è più in alto, molto più in alto». Ha ragione, è più in alto ma io continuo in questi giorni a sentirlo al mio fianco. (...)

3 maggio
Tappa dura oggi nonostante i chilometri non fossero tantissimi; dura perché fatta sotto la pioggia e sopratutto fatta con il fango alle caviglie! Gambe pesanti, scarpe ancora di più e difficoltà nello stare in piedi e nel cercare i posti «migliori» dove passare. Tutto questo affatica il corpo e la mente.

Ma ci sono due aspetti che ritengo belli e che vale la pena approfondire. Il primo nasce dalla dedica di questa giornata che con Loris abbiamo deciso di dedicare ad un mio amico (diventato in spirito amico anche di Loris) che oggi ha i risultati di alcune analisi sulla sua salute. Gli abbiamo dedicato il cammino di oggi e per la fatica che abbiamo fatto nel fango penso sia stata la scelta migliore che potevamo fare. Non è il nostro caminare che porta alla guarigione ma il nostro camminare con fatica che ci unisce nello spirito con coloro che soffrono altre fatiche. Tutto questo vissuto nel silenzio della mantella e dell'acqua che rumorosamente pioveva sopra ha contribuito a dare un ulteriore senso alla giornata.

L'altro aspetto è il bellissimo arcobaleno che in uno dei pochi sprazzi di sole, ci siamo ritrovati ad un tratto sulla nostra sinistra. Ci siamo detti che potrebbe essere di buon auspicio per tutti quanti e ce lo siamo goduto con gli occhi il più possibile.

Come vedete sono semplici cose ma se vissute con intensità acquistano un valore immenso; sopratutto se hai la possibilità di poterle condividere con qualcuno accanto e anche a distanza.

Riceviamo tante mail e questo ci spinge in avanti come il vento che ogni tanto batte sul nostro zaino. Grazie di cuore a tutti voi. Le dirette a Radio Toscana sono poi un appuntamento che ci fa un sacco di piacere perché lo viviamo come un piccolo ulteriore impegno di condividere e comunicare ad altri la nostra esperienza. È anche un modo per sdrammatizzare alcune situazioni e per far sentire la nostra voce agli amici, colleghi e familiari. Anche oggi tra le 17 e le 17.30 Leonardo dovrebbe chiamarci al telefono. (...)

Nicola Pini
Pellegrino del mondo

Pellegrini a Santiago, il diario online di Nicola e Loris
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento