Visite guidate

stampa

Per prenotazioni, info e costo delle visite guidate telefonare al numero 055-277661 (Chiara). La prenotazione è obbligatoria, deve essere effettuata almeno quattro giorni prima della visita.

Per partecipare alle visite guidate occorre associarsi agli «Amici di Toscana Oggi»

Musei e chiese

La passeggiata inizierà da Piazza Santissima Annunziata e terminerà in piazza Signoria. Insieme scopriremo che il centro di Firenze è popolato da tanti animali, alcuni rappresentati in modo realistico, altri con forme fantastiche e mostruose. Animali fatti in pietra, bronzo o marmo, furono messi sui palazzi e sulle chiese fiorentine come simboli del potere delle Arti e delle corporazioni politiche, ebbero l'importante ruolo di rappresentare la grandezza e la potenza della Firenze del passato. In altri casi gli animali furono raffinati motivi decorativi, usati per guarnire l'esterno degli edifici più importanti, altri invece sono legati ad antiche credenze e tradizioni, testimoni della memoria del passato.

Comodamente seduti su un barchetto dei renaioli navigheremo sull'Arno all'ora del tramonto, immersi in un'atmosfera davvero unica! Davanti ai nostri occhi si aprirà un panorama suggestivo e inconsueto, vedremo Firenze da una diversa angolazione. Sfileranno davanti a noi la Galleria degli Uffizi, il Corridoio Vasariano, la Chiesa di San Jacopo sopr'Arno, Palazzo Corsini, passeremo sotto Ponte Vecchio e sotto Ponte Santa Trinita. 

La città di Firenze venne fondata con il nome latino di Florentia alla fine del I secolo a.C. dall'Impero Romano, come colonia militare. Insieme percorreremo il tracciato delle antiche mura, che ricalcavano l'accampamento dell'esercito romano, individueremo le aree dove si trovavano i maggiori monumenti, come il teatro, l'anfiteatro, l'acquedotto e le antiche fulloniche, stabilimenti usati per tingere i tessuti. Oggi i resti di questi antichi edifici e monumenti non sono visibili, ma di essi rimangono interessanti tracce nella toponomastica e nella conformazione urbanistica della città.

Comodamente seduti su un barchetto dei renaioli navigheremo sull'Arno all'ora del tramonto, immersi in un'atmosfera davvero unica! Davanti ai nostri occhi si aprirà un panorama suggestivo e inconsueto, vedremo Firenze da una diversa angolazione. Sfileranno davanti a noi la Galleria degli Uffizi, il Corridoio Vasariano, la Chiesa di San Jacopo sopr'Arno, Palazzo Corsini, passeremo sotto Ponte Vecchio e sotto Ponte Santa Trinita. 

Pur non essendo fra i luoghi più visitati di Firenze, sia la chiesa di Sant'Ambrogio che piazza dei Ciompi sono ricchi di storia e testimoni di antiche tradizioni del passato. La chiesa di Sant'Ambrogio fu fondata nel VII secolo, nel luogo che ospitò Sant'Ambrogio durante il suo soggiorno fiorentino. Qui nel 1230 ebbe luogo il miracolo dell'eucarestia. Il miracolo fece crescere il fervore religioso popolare, così la chiesa venne ingrandita e, nel Quattrocento, vennero incaricati Mino da Fiesole e Matteo Rosselli per la realizzazione di un meraviglioso tabernacolo eucaristico in marmo e degli affreschi con la storia del miracolo, ancora presenti in chiesa. Qui inoltre trovarono sepoltura molti artisti, fra questi Verrocchio, il Cronaca e Mino da Fiesole.

La mostra è dedicata ad uno dei più grandi maestri del Rinascimento fiorentino, Andrea Verrocchio, nella cui bottega, attiva nella seconda metà del Quattrocento, si formarono grandi artisti, fra cui Leonardo da Vinci. L'esposizione ospita oltre 120 fra dipinti, sculture e disegni provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo. Si possono ammirare i capolavori di Verrocchio e le opere capitali dei maggiori artisti del secondo Quattrocento, Botticelli, Perugino e Ghirlandaio. La mostra permette di ricostruire la formazione di Leonardo e la produzione artistica fiorentina all'epoca di Lorenzo il Magnifico.

Fra le architetture progettate da Filippo Brunelleschi è la meno conosciuta e visitata, ma non la meno bella. La Chiesa di Santo Spirito conserva ancora intatta la sua fiorentinità. Opera matura del Brunelleschi, esprime appieno lo spirito dell'architettura rinascimentale, razionale, misurata, armoniosa. Al suo interno sono conservati importanti capolavori fra cui un'interessante opera di Filippino Lippi e il Crocifisso realizzato da Michelangelo a soli 17 anni. Oltre alla chiesa si visitano la bellissima sagrestia di Giuliano da Sangallo e il Cenacolo con tre originalissimi episodi sacri legati al consumo dei pasti dipinti da Bernardino Poccetti.

La chiesa di Santa Maria Novella è una chiesa dell’ordine domenicano, costruita a partire dal 1279. L’interno ha un aspetto gotico con archi a sesto acuto e vetrate istoriate, la facciata invece è rinascimentale, una delle poche facciate antiche di Firenze, progetta da Leon Battista Alberti e finanziata dal ricco mercante Giovanni Rucellai nel 1470. La chiesa conserva numerose opere, fra cui il Crocifisso dipinto di Giotto, quello ligneo di Brunelleschi, la Trinità di Masaccio e gli affreschi di Domenico Ghirlandaio. Oltre alla chiesa si visitano il museo dove sono cnservati gli affreschi di Paolo Uccello e il Cappellone degli Spagnoli.

La mostra è dedicata ad uno dei più grandi maestri del Rinascimento fiorentino, Andrea Verrocchio, nella cui bottega, attiva nella seconda metà del Quattrocento, si formarono grandi artisti, fra cui Leonardo da Vinci. L’esposizione ospita oltre 120 fra dipinti, sculture e disegni provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo. Si possono ammirare i capolavori di Verrocchio e le opere capitali dei maggiori artisti del secondo Quattrocento, Botticelli, Perugino e Ghirlandaio.