Italia

Italia stampa

Un popolo di santi, di navigatori e di... credenti nelle stelle. Gli italiani del terzo millennio credono ancora che il loro futuro sia scritto negli astri. Lo conferma un'indagine della Doxa. Un italiano su tre è convinto che gli astri influenzino il destino degli uomini mentre uno su cinque ne ammette comunque una qualche influenza.
DI CLAUDIO TURRINI

Questo sabato la colletta del Banco alimentare davanti ai supermercati toscani. Nel 2000 sono state circa duecentomila le persone che hanno riconsegnato il «sacchetto della solidarietà» avuto all'ingresso di uno dei circa 150 punti vendita coinvolti.
DI MARCO LAPI

Commenti negativi all'annuncio choc di una ditta americana di aver clonato cellule umane seppure con la scusa di curarne le malattie. Il commento del Vaticano.
DI MARCO DOLDI

Dai conti correnti alle cambiali, dai bancomat alle bollette ecco cosa succede con l'entrata in circolazione dell'Euro. Qualche consiglio per sopravvivere con la nuova moneta.
DI ENNIO CICALIEuro, un atto di fiducia collettiva

«I settimanali diocesani sono una componente basilare della comunicazione cattolica in Italia». Lo ha detto il card. Camillo Ruini, presidente della Cei, aprendo i lavori della 13ª assemblea nazionale elettiva della Fisc, la Federazione italiana dei settimanali cattolici. Ruini ha invitato i settimanali ad essere «sempre più qualificati, rimanendo sobri ma senza rinunciare all'innovazione. Per tenere il passo dei tempi – ha infatti detto – ci vogliono mezzi. Dobbiamo allora anche nella diocesi stabilire delle priorità negli investimenti».

Gli Stati Generali dell'Istruzione (Roma, 19-20 dicembre) si sono chiusi con la certezza che la riforma si farà, terrà conto di suggerimenti e correzioni e andrà a regime già dal prossimo anno scolastico. Il mondo cattolico si dice soddisfatto per l'attenzione posta all'ascolto di tutti: docenti, genitori, studenti. Anche se poi qualche critica alle proposte Bertagna arrivano.
DI VALENTINA CONTE

Nelle procure della Toscana giacciono inevasi e ormai «scaduti» più di 84 mila procedimenti penali, per i quali il termine per le indagini preliminari è «abbondantemente scaduto, non di rado di anni» e si avviano quindi alla prescrizione. È un dato «obiettivamente preoccupante» rilevato nella sua relazione di apertura dell'anno giudiziario dal procuratore generale della corte d'appello di Firenze, Ennio Maria Fortuna. %%Le sofferenze della giustizia tra malanni vecchi e nuovi
Criminalità, in aumento rapine ed estorsioni

Diminuiscono gli omicidi, aumentano di numero rapine ed estorsioni, in netta diminuzione la criminalità minorile, qualche allarme sul fronte dell'eversione politica, anche se non c'è stato alcun atto terroristico eclatante. Questi i dati di fondo del quadro della criminalità in Toscana nell'ultimo anno delinato dalla relazione del procuratore generale Ennio Maria Fortuna all'inaugurazione dell'anno giudiziario.%%Le sofferenze della giustiziatra malanni vecchi e nuovi
Nelle procure toscane84 mila procedimenti inevasi