Italia
stampa

ALLUVIONE MESSINA: PROSEGUE L'IMPEGNO DELLA CARITAS

Parole chiave: caritas (569)

“Oltre ai luoghi dove l'alluvione è stata più violenta, Giampilieri Marina e Giampilieri Superiore, Molino, Altolia, Briga Marina e Briga Superiore, Scaletta Zanclea, i danni riguardano anche altri villaggi – come Itala Superiore, Guidomandri, Cumia, Pezzolo – che sono diventati difficilmente accessibili per via di diverse frane che hanno sotruito le vie di comunicazione”. Così il direttore della Caritas diocesana di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela, don Gaetano Tripodo, sottolinea che, a distanza di 15 giorni dall'alluvione che ha colpito i comuni di Messina e di Scaletta Zanclea, la situazione è alquanto complessa. Come spiega la Caritas in una nota, “la valanga di fango ha portato via non solo le abitazioni – vanificando i sacrifici di una vita – ma anche il tessuto sociale ed economico. Enormi i danni per la popolazione locale: perdita di affetti, di persone care, di abitazioni, di lavoro, di strutture sociali e di punti di riferimento per la vita ordinaria”. Le comunità ecclesiali si sono attivate con momenti di preghiera e raccolte in favore delle vittime. La Caritas diocesana si è resa presente sin dal primo giorno dell'alluvione con l'associazione “nucleo Diocesano di Protezione Civile”, ad essa strettamente collegata, portando aiuto in coordinamento con la protezione civile regionale. Sono stati mobilitati volontari, provenienti dalle comunità parrocchiali, da gruppi e associazioni.
Sir

ALLUVIONE MESSINA: PROSEGUE L'IMPEGNO DELLA CARITAS
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento