Italia
stampa

Adozioni internazionali: tenuta nel 2018, secondo i primi dati Cai si ferma il crollo

Nell'anno 2018 è stato autorizzato l'ingresso in Italia di 1.394 minori. Lo comunica la Commissione per le adozioni internazionali (Cai). E la rivista «Vita» ha mappato il bilancio degli enti accreditati.

Percorsi: Adozioni - Minori
Adozioni (Foto Sir)

La Commissione per le adozioni internazionali (Cai) ha reso noto, sul suo sito, che nell'anno 2018 è stato autorizzato l'ingresso in Italia di 1.394 minori. In particolare i minori provenienti dall'Europa sono stati 640, dall'Africa 121, dall'America centrale e meridionale 330 e dall'Asia 303. La Federazione Russa rimane il Paese con il maggior numero di minori adottati (200), seguita dalla Colombia (169), dall'Ungheria (135), dalla Bielorussia (112) e dalla Cina (84). Tali ingressi, secondo la Cai, «non si discostano in modo rilevante da quelli del 2017, nonostante la chiusura e il rallentamento di alcuni Paesi». Nel 2017 i minori adottati erano stati complessivamente 1.439.

La rivista «Vita» ha intanto mappato il bilancio parziale relativo agli Enti accreditati (26 su 55 quelli che al 7 gennaio avevano già pubblicato dati complessivi o parziali sul proprio sito). Sommando questi dati parziali, scrive «Vita», «risulta che sono certamente stati adottati in Italia non meno di 831 bambini». Rispetto ai singoli enti, sempre secondo i dati pubblicati online, Cifa risulta quello con più adozioni concluse nel 2018 con 137 minori entrati, seguito da Nadia (82 adozioni concluse), Naaa (67 minori e 58 adozioni), Asa (66 minori), AiBi (53 minori e 44 coppie), International Adoption (44 minori al 5 dicembre 2018).

Fonte: Sir
Adozioni internazionali: tenuta nel 2018, secondo i primi dati Cai si ferma il crollo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento