Italia
stampa

Agroalimentare: Coldiretti, imitazioni del Made in Italy da 60 miliardi di euro

«Dal formaggio Asiago made in Japan al Grana carioca, dal Reggianito al Parmesao, dal Provolone al Romano, fino al Sardo e alla Mortadela, l’Unione Europea legalizza, attraverso la firma degli accordi di libero scambio, le imitazioni delle più note specialità del Made in Italy a tavola che hanno raggiunto il valore record di 60 miliardi di euro». A denunciarlo è oggi la Coldiretti in occasione dell’inaugurazione di Fieragricola di Verona, dove sono stati esposti per la prima volta i «tarocchi» ufficialmente autorizzati dalla Ue.

Falso made in Italy alimentare (Foto Sir)

«L’ultima trattativa arrivata a minacciare l’agricoltura italiana – spiega Coldiretti – è quella in corso con i Paesi del mercato comune dell’America meridionale di cui fanno parte Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay (Mercosur). Sulle 291 denominazioni italiane Dop/Igp riconosciute dall’Unione Europea è stata proposta una lista di appena 57 tipicità da tutelare ma su 30 di queste sono state già presentate opposizioni, a partire dal Parmigiano Reggiano». Secondo l’associazione, «il risultato è che, di fatto, meno del 10% delle specialità Made in Italy sarà tutelato».

Preoccupa poi «l’apertura all’arrivo a dazio zero in Europa di grandi quantitativi di carne bovina dai Paesi sudamericani» oltre a riso e agrumi. «È inaccettabile che il settore agroalimentare sia trattato dall’Unione Europea come merce di scambio negli accordi internazionali senza alcuna considerazione del pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale», ha affermato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo.

Fonte: Sir
Agroalimentare: Coldiretti, imitazioni del Made in Italy da 60 miliardi di euro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento