Italia
stampa

BESLAN: DOMANI SERA UNA CANDELA ACCESA ALLE FINESTRE PER NON DIMENTICARE

Una candela accesa sui davanzali delle finestre nella notte tra il 2 e il 3 settembre per ricordare la strage di Beslan avvenuta negli stessi giorni del 2004. La proposta arriva dall'Associazione "Donne del Mediterraneo" che non vuole far passare sotto silenzio questo anniversario e che il Governo dell'Ossezia del Nord ricorderà con una giornata di lutto nazionale.
Nei luoghi della tragedia - ricorda Anna Torraco dell'associazione "Donne nel Mediterraneo - saranno accese delle candele mentre alle 13,05 del 3 settembre tutta la Repubblica dell'Ossezia osserverà un minuto di silenzio, durante il quale si fermeranno le lezioni, le fabbriche e tutti i trasporti.

Lo stesso giorno, nel pomeriggio, nel cimitero dove sono seppellite le 330 vittime (186 bambini e 144 adulti) dell'atto terroristico sarà inaugurato il memoriale denominato "Albero della vita” e sarà celebrata una messa di suffragio. L'associazione italiana chiede "di stringersi idealmente - spiega Torraco - intorno alla popolazione di Beslan per far sentire loro che non li abbiamo dimenticati e che tutto il mondo è ancora con loro con tanto affetto. Questo semplice gesto - aggiunge - fatto spontaneamente dal nostro Paese lo scorso anno, ha toccato profondamente i cuori dei cittadini di Beslan e ha confermato loro la nostra partecipazione al loro straziante lutto".

Dal 27 giugno al 27 luglio scorso 30 ex ostaggi della scuola di Beslan (17 bambini e 13 adulti), scampati alla morte, hanno trascorso in Italia un periodo di vacanza su iniziativa di "Donne del Mediterraneo".
Sir

BESLAN: DOMANI SERA UNA CANDELA ACCESA ALLE FINESTRE PER NON DIMENTICARE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento