Italia
stampa

BLACK OUT IN OSPEDALE MEYER FIRENZE, PER DIREZIONE E' DOLOSO

Una manomissione. E' questa, secondo i dirigenti del pediatrico Meyer di Firenze, la causa che potrebbe aver provocato il corto circuito che ha mandato in tilt l'impianto elettrico della nuovissima struttura inaugurata solo un mese fa. La stessa direzione ha chiesto al 118 di non portare bambini al pronto soccorso e sempre per motivi precauzionali, circa 20 bambini ricoverati nei reparti di oncoematologia e terapia intensiva neonatale sono stati trasferiti in un reparto che doveva aprire il prossimo 20 gennaio.
Il black out si è verificato alle 17,30 mentre su Firenze si abbatteva una forte ondata di maltempo. Al Meyer sono scattati i gruppi elettrogeni interni ma un attimo dopo sono saltati anche questi. Sono arrivati i vigili del fuoco con una colonna fari e un gruppo elettrogeno. Con loro sono arrivate anche tre squadre dell'Enel. Sembrava un semplice problema elettrico ma intorno alle 19 il colpo di scena: il direttore generale dell'ospedale, Paolo Morello, dichiara tramite l'ufficio stampa che a causare il black out è stata una manomissione a un pluviale, un canale per la raccolta dell'acqua piovana e che pertanto ha avvertito la polizia. Secondo il dg, l'acqua, non retta dal pluviale 'manomesso', si è infiltrata nell'intercapedine dove camminano i tubi dell'elettricità mandando in corto il sistema che ha bruciato circa un metro e mezzo di condotta elettrica. I vigili del fuoco e il personale dell'Enel sono riusciti a bypassare in serata il tratto di cavi elettrici ad alta tensione interessato dal corto circuito. Entro alcune ore, secondo quanto si è appreso, la corrente al Meyer dovrebbe tornare regolarmente. E' giunto anche l'assessore alla sicurezza del Comune di Firenze Graziano Cioni per un sopralluogo durante il quale Paolo Morello, direttore generale del Meyer, ha confermato all'amministratore che a causare l'interruzione della corrente elettrica potrebbe essere stata una manomissione a un pluviale situato proprio sopra il sistema elettrico andato in tilt e che ha subito l'infiltrazione d'acqua.
"Il pluviale - ha detto Morello a Cioni - era tutto bucherellato mentre in fase di collaudo, solo alcune settimane fa, il supporto di raccolta dell'acqua piovana era integro". Nel pomeriggio sono arrivati anche i volontari della protezione civile inviati dal presidente della Provincia di Firenze Matteo Renzi nel caso fosse stato necessario evacuare l'ospedale. Sarà compito dei vigili del fuoco appurare le esatte cause dell'incidente. (notizia aggiornata alle ore 23,20)
Villa Ognissanti, la nuova struttura che ospita il pediatrico Meyer di Firenze, è entrato in funzione nella notte tra il 14 e 15 dicembre scorsi. La sua costruzione era cominciata nel 2001. IL complesso si sviluppa su una superficie di 32 mila metri quadrati, oltre a un parco di 72 mila metri quadri, e ospita 210 posti letto (di cui 50 di day hospital), 7 sale operatorie e 9 sale diagnostiche. Rispetto alla vecchie sede, sono state potenziate alcune specialità mediche come la cardiochirurgia, la chirurgia endoscopica e la neurochirurgia, ma anche le malattie metaboliche, la fibrosi cistica e la reumatologia. Il nuovo Meyer è stato presentato come il primo ospedale in Italia che osserva tutti i canoni della compatibilità ambientale: contenimento delle emissioni atmosferiche, protezione dal surriscaldamento estivo, ventilazione e qualità dell'aria, migliore utilizzazione della luce naturale, contenimento dell'uso dei condizionatori. L'investimento complessivo è stato di circa 64 milioni di euro, compresi ristrutturazione, arredamenti e attrezzature. Quasi un milione di euro è arrivato dall'Ue. (ANSA)

BLACK OUT IN OSPEDALE MEYER FIRENZE, PER DIREZIONE E' DOLOSO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento