Italia
stampa

CEI, CARD. ANGELO BAGNASCO: NO A DIVORZIO BREVE ED EUTANASIA

Parole chiave: divorzio (55), domenica (37), angelo bagnasco (206), eutanasia (131), cei (408)

«In una cultura del tutto-provvisorio, l'introduzione di istituti che per natura loro consacrino la precarietà affettiva, e a loro volta contribuiscano a diffonderla, non sono un ausilio né alla stabilità dell'amore, né alla società stessa». Con queste parole (testo integrale) il card. Bagnasco, nel corso della prolusione al Consiglio permanente della Cei, ha motivato il “no” della Chiesa italiana al cosiddetto “divorzio breve”. “Prima e più dei diritti veri o presunti degli adulti - ha ribadito - ci sono i diritti dei bambini: avere un padre e una madre certi, dunque una famiglia caratterizzata non da confini precari e da tempi incerti, ma definita e permanente”. Il presidente della Cei ha poi definito “aberrante”, se non “mostruosa”, la legittimazione dell'infanticidio, in virtù del quale “dall'interruzione volontaria della gravidanza, di cui è ineluttabilmente vittima un bambino che deve ancora nascere, si passerebbe all'eutanasia di questi una volta nato”. Altra tesi “preoccupante”, per i vescovi - in quanto “inaccettabile rovesciamento” del ddl già approvato dalla Camera in materia - è la sospensione dell'alimentazione e idratazione “a tutti i pazienti in stato vegetativo permanente, salvo che non ci sia l'evidenza di una volontà esplicita del soggetto gravemente ammalato”. Neanche la domenica “può essere sacrificata a ragioni economiche”, ha detto il cardinale esortando a salvaguardare il lavoro domenicale. (Sir)

CEI, CARD. ANGELO BAGNASCO: NO A DIVORZIO BREVE ED EUTANASIA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento