Italia
stampa

Card. Bagnasco a Mcl: «Chiarezza e convinzione sui valori irrinunciabili»

«Chiarezza e convinzione». A chiederle ai cattolici, a chi s’impegna in politica e all’Europa è stato il card. Angelo Bagnasco, che intervenendo oggi a Roma al Consiglio nazionale di Mcl (Movimento cristiano lavoratori) ha definito «una bugia storica» l’affermare che la Chiesa sia attenta ai valori del prima e dopo e non al «durante», di cui il lavoro «è una dimensione essenziale».

Percorsi: Angelo Bagnasco - Mcl - Politica

«Da duemila anni - ha affermato il cardinale - la vicinanza alla vita non solo nella sua fase iniziale o al suo termine naturale, ma anche nel ‘durante' è ampiamente testimoniata, soprattutto quando altre autorità o riferimenti non esistono neppure». «È guardando alla vita umana - ha spiegato - che la famiglia scopre il suo volto e la sua irrinunciabilità, perché salvaguarda e trasmette l’umano dell’umanità, educa nella differenza sessuale e assicura il futuro». La tendenza attuale, invece, è quella a «liquidare» i cosiddetti valori non negoziabili «come un fatto culturale, un fatto storico, e pertanto variabile». «Mi sembra - ha notato a questo proposito il presidente della Cei - che la cultura europea oggi sia sostanzialmente una cultura debole e superficiale: debole perché non ha organizzazione profonda, superficiale perché si limita alla mera e quasi automatica applicazione di alcune categorie che sono diventate dogmi, come la tolleranza e la discriminazione».

Il Cardinale ha pronunciato anche un netto “no” alla “retorica delle differenze”, per cui “qualunque differenza è per se stessa un valore” oppure, all’opposto, “le differenze sono dei disvalori, e quindi bisogna omologare” e ha stigmatizzato la politica del “due pesi e due misure”, auspicando “una riflessione più articolata” su cosa sia veramente “progresso”. “Il progresso - ha affermato contestando presunte posizioni ‘progressisté, magari prese ‘sull’onda populistà o sulla base del ‘consensò - è non essere allineati a determinate cose, non copiare, non giustificarsi dicendo che l’Europa evoluta compie questa strada”.

“Dobbiamo interrogarci se il criterio è corretto e il merito è vero”, ha osservato, e chiederci “perché ridefinire l’alfabeto dell’umano, la famiglia, il lavoro, l’uomo?”. Su temi come “vita, famiglia, convivenze, libertà”, è la tesi del presidente della Cei, “l’Europa sta camminando su una via: da una piccola crepa, che si fa passare per irrilevante, si passa inevitabilmente a un’apertura e a una voragine”. “Se l’Italia fosse l’esempio” di una contro-tendenza, secondo il presidente della Cei, “sarebbe un grande servizio. Ma ci vuole grande convinzione”, ha concluso esortando, sulla scorta del Papa, a “fare tutto il possibile per creare una convinzione che possa tradursi in opzione politica”.

Fonte: Sir
Card. Bagnasco a Mcl: «Chiarezza e convinzione sui valori irrinunciabili»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento