Italia
stampa

Corte costituzionale. Maternità surrogata, offesa intollerabile alla donna

Sentenza storica quella depositata ieri dalla Corte Costituzionale. La Consulta ha respinto la questione di legittimità costituzionale sollevata contro il divieto di maternità surrogata previsto dal nostro ordinamento. L'utero in affitto «mina le relazioni umane».

Maternità surrogata (Foto Sir)

Il giudice chiamato a pronunciarsi sull’impugnazione del riconoscimento del figlio naturale concepito con maternità surrogata è sempre tenuto a valutare comparativamente l’interesse alla verità e l’interesse del minore. E anche in caso di silenzio della legge, vanno valutate «le modalità del concepimento» e «la possibilità per il genitore sociale di stabilire, mediante l’adozione in casi particolari, un legame giuridico che garantisca al minore un’adeguata tutela». Lo afferma una sentenza della Corte costituzionale depositata ieri (la 272/2017), di cui è relatore Giuliano Amato. La sentenza aggiunge a queste considerazioni giuridiche anche un determinante giudizio etico sulla surrogazione di maternità, che «offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane».

Corte costituzionale. Maternità surrogata, offesa intollerabile alla donna
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento