Italia
stampa

Denatalità: Sermig, all’Università del dialogo il demografo Dalla Zuanna interviene sul tema “Una nuova vita”

Appena 400mila nuovi nati nel 2020 in Italia, il dato peggiore in oltre 150 anni di unità nazionale: uno stato di cose che rischia di pregiudicare il futuro del nostro Paese da un punto di vista economico e sociale. 

Percorsi: Italia - Natalità
culle vuote

Partirà da qui il prossimo incontro dell’Università del Dialogo del Sermig. Un confronto a tutto campo con il demografo Gianpiero Dalla Zuanna, in dialogo con i giovani dell’Arsenale della Pace di Torino sul tema “Una nuova vita”. Causa Covid, l’incontro si svolgerà on line e sarà trasmesso su tutti i canali social del Sermig e sul sito www.sermig.org/diretta Giampiero Dalla Zuanna sarà presente in collegamento video.

L’appuntamento è per martedì 16 febbraio, a partire dalle ore 18.45.

L’Università del Dialogo è lo spazio di formazione permanente promosso dal Sermig, la realtà di pace e solidarietà nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero. Obiettivo: riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza. Inaugurata in Vaticano il 31 gennaio 2004 da Papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni l’Università del Dialogo ha accolto testimoni di ogni orientamento, della cultura e dei media, dell’economia e della politica, della solidarietà e dell’arte. Adulti con responsabilità particolari disposti a confrontarsi con i giovani, realizzando anche in campo culturale quell’incontro tra generazioni che il Sermig considera indispensabile per cambiare il mondo. Il tema scelto per la sessione 2020/2021 è “Il mondo che verrà”.

Fonte: Sir
Denatalità: Sermig, all’Università del dialogo il demografo Dalla Zuanna interviene sul tema “Una nuova vita”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento