Italia
stampa

EMBRIONI GENETICAMENTE MODIFICATI: SCIENZA E VITA, «NO ALLA DERIVA EUGENETICA»

“La sperimentazione genetica sugli embrioni umani prospettata dal governo inglese contrasta apertamente con la Convenzione di Oviedo e richiede un'aperta condanna da parte dell'opinione pubblica europea più avvertita”. E' questo il giudizio dell'Associazione Scienza & Vita dinanzi alla volontà espressa dal premier britannico Tony Blair di predisporre un disegno di legge che preveda la manipolazione genetica degli embrioni umani. In sostanza – ricorda l'Associazione in una nota – il progetto britannico “prevede la produzione di embrioni solo per la ricerca”, ipotesi questa “apertamente rigettata” dall'articolo 18 della Convenzione di Oviedo. In secondo luogo, il progetto inglese “prospetta la distruzione degli embrioni così modificati entro e non oltre il 14° giorno di esistenza”. Ma l'embrione deve “essere tutelato sin dalla fecondazione”: di qui la “contrarietà” di Scienza & Vita “nei confronti di una prassi che manipola e distrugge la vita”. L'Associazione, infine, mette in guardia sotto il profilo culturale “dalla deriva eugenetica che il progetto britannico porta con sé: creare una specie umana in cui vi siano solo ‘buoni' geni e in cui la perfezione viene prima di ogni altra dimensione”.
Sir

EMBRIONI GENETICAMENTE MODIFICATI: SCIENZA E VITA, «NO ALLA DERIVA EUGENETICA»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento