Italia
stampa

GOVERNO: AL VIA CONSULTAZIONI MONTI. PDL INSISTE SU ESECUTIVO A TEMPO

Parole chiave: politica (409), mario monti (68)

(ASCA) - Palazzo Giustiniani, dove ha sede l'ufficio concesso a Mario Monti in qualità di senatore a vita, diventa oggi l'epicentro delle consultazioni del presidente incaricato che inizieranno alle 10. Si prevedono tempi brevi per il via libera al nuovo governo. Monti potrebbe sciogliere le riserve in serata, anche se ieri il presidente Giorgio Napolitano ci ha tenuto a precisare che per la formazione del nuovo governo non è necessario stabilire alcun record. "Le consultazioni che svolgerò saranno condotte con senso dell'urgenza ma con scrupolo. Tornerò dal presidente della Repubblica quando sarò in grado di sciogliere la riserva", ha puntualizzato Monti. L'itinerario ritenuto ideale per il varo del nuovo esecutivo, che potrebbe tuttavia slittare di ventiquatt'ore, resta quello di un voto di fiducia al nuovo esecutivo già martedì al Senato e mercoledì alla Camera.
Dopo aver ricevuto l'incarico dal capo dello Stato, Monti in serata ha incontrato Renato Schifani e Gianfranco Fini, presidenti di Senato e Camera. Poi si è recato a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio uscente Silvio Berlusconi. Il presidente incaricato e l'ex premier si sono intrattenuti a cena, dopo che il giorno prima - sempre a Palazzo Chigi - avevano pranzato insieme, presenti anche il sottosegretario Gianni Letta e Angelino Alfano, segretario del Pdl. In quella occasione, secondo le indiscrezioni, Berlusconi avrebbe avanzato la richiesta che il nuovo governo non si occupi di legge elettorale e di leggi che intervengano sull'assetto del sistema televisivo.
Rispetto all'ottimismo di qualche giorno fa, il compito di Monti si presenta non in discesa. Il Pdl continua a porre alcuni paletti alla formazione del nuovo governo. Oltre a volerne circoscrivere l'attività ai contenuti della lettera di intenti sulle riforme economiche inviata da Berlusconi all'Unione europea, il Pdl sottolinea che il governo tecnico non può durare fino alla fine della legislatura nel 2013. Lo ha ripetuto Alfano, all'uscita dal suo colloquio di rito con il capo dello Stato: la durata del nuovo governo sarà legata al programma, i ministri devono essere tutti tecnici perché occorre "escludere chi ha fatto del proprio impegno pura militanza antigovernativa".
Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, dopo l'incontro con Napolitano, ha sottolineato invece la disponibilità del suo partito "a che in questa fase il Parlamento metta mano a urgenti riforme: quella della legge elettorale, della riduzione del numero dei parlamentari, dei regolamenti di Camera e Senato". Un'agenda di lavoro che quindi va oltre l'emergenza economica che deve restare in ogni caso la priorità del nuovo governo.
Dello stesso parere di Bersani è Pier Ferdinando Casini, leader del Terzo polo, che intervistato da Fabio Fazio nella trasmissione "Che tempo che fa" dice: "C'é qualcuno così matto da rovinare il tentativo di Monti?". L'ex presidente della Camera sottolinea che "il Terzo polo sosterrà il nuovo esecutivo fino alla fine della legislatura". Quanto ai ministri, Casini fa una previsione: "Non mi sembra ci saranno politici, credo piuttosto che ci saranno personalità di rilievo e tecnici. Certo non sarà un governo neutro. Monti sarà chiamato a creare i presupposti per un incontro tra le forze politiche". Antonio Di Pietro, Idv, si differenzia dalla posizione di Pd e Terzo polo: "Il governo che si sta formando sia a tempo. Giudicheremo la squadra e il programma. Bisogna comunque tornare al più presto alle urne. Nell'emergenza attuale, però, è difficile avviare le procedure per votare".
Sul tema controverso della durata del governo il presidente Napolitano, nel comunicare di aver dato l'incarico di formare il nuovo esecutivo a Monti, ha evidenziato che bisogna "evitare un precipitoso ricorso a elezioni anticipate" perché l'Italia deve ricollocare sul mercato buoni del Tesoro per quasi 200 miliardi di euro. Su questa esigenza, ha concluso il capo dello Stato, "dovrebbero concordare tutte le forze politiche e sociali". All'opposizione di un governo presieduto da Monti resta solo la Lega. "Sarà un'ammucchiata enorme, non hanno bisogno di noi. Staremo fuori, all'opposizione, vigili, a vedere le cose che il governo proporrà", ha detto Umberto Bossi uscendo dal colloquio con Napolitano. "Credo che si stia per chiudere un'epoca. L'accordo Lega-centrodestra in diciassette anni ha avuto momenti esaltanti. Si apre una pagina bianca, ora si gira pagina e si deve cominciare a scrivere", dichiara Roberto Maroni.

GOVERNO: AL VIA CONSULTAZIONI MONTI. PDL INSISTE SU ESECUTIVO A TEMPO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento